Categorie
Blog

UNIFIL – Il lato umano delle missioni militari

di Alberto Alpozzi – Fotografo Torino

dall’articolo “Il lato umano delle missioni militari italiane all’estero” su L’altra Metà della divisa

blue-line-unifil_alpozzi[…]Per me vivere a contatto per diversi giorni con i nostri ragazzi e condividere in tempo reale le loro emozioni, le loro paure e i loro desideri è ciò che mi spinge ogni volta a ripartire con loro.Ogni partenza e ogni ritorno sono una costruzione e una decostruzione della nostra vita, dei nostri valori, dei nostri ideali e della nostra visione del mondo: un accrescimento morale ed umano.Tutto ciò rende il mio lavoro qualcosa di unicamente importante, non tanto per come lo faccio, ma per quello che faccio: metto in comunicazione tramite le mie foto i figli e le madri a distanza di migliaia di chilometri, documento i luoghi nei quali vivono e passano il loro tempo, li avvicino con una semplice immagine quasi potessero ancora toccarsi: il potere della fotografia […] continua a leggere

______________________________________________________________________________________

dall’articolo “Missioni Militari: il lato umano” su Esercito Italiano Blog

avamposto israeliano lungo la Blue Line[…] Alberto Alpozzi, fotogiornalista italiano, racconta la sua esperienza nelle visite a militari in missione. “Fare migliaia di chilometri viaggiando con i nostri militari per raggiungere le varie basi nelle quali sono dislocati è già di per sé una grande esperienza umana: leghi subito con ciascuno di loro, ti vedono come un tramite tra loro e casa; la necessità di parlare e di condividere emozioni ed esperienze è sempre fortissima e tu sai quanto sia importante per loro e per i loro cari”. Come spiega Alpozzi, si tratta di un “tutti siamo italiani” e “tutti abbiamo fiducia nel nostro paese”. Una fiducia che condividiamo. Più che lo scopo informativo, difensivo o militare, esiste uno scopo umano. Quello di trasmettere calore ai militari e notizie che permettano un accostamento a casa, anche psicologico […] continua a leggere
______________________________________________________________________________________

dall’intervista “Intervista ad Alberto Alpozzi: scatti di guerra tra Afghanistan, Kosovo e Libano” su Tagli.me

_ALP8955_fb[…] Quello che appare subito chiaro dal racconto dei suoi viaggi è che noi, qui in Italia, abbiamo una percezione decisamente sbagliata del lavoro che i militari compiono all’estero. Notizie che non raccontano la verità o non la raccontano fino in fondo, soprattutto tralasciando l’aspetto umano ed umanitario di queste missioni. Difficilmente infatti troverete sui quotidiani italiani un resoconto dettagliato della vita dei nostri ragazzi, che tra loro si chiamano “fratelli”. In questa intervista Alberto ci racconta la sua recente esperienza in Libano […] continua a leggere

Articoli correlati:

ARTICOLI CORRELATI:

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012

14 risposte su “UNIFIL – Il lato umano delle missioni militari”