Categorie
Blog

L’orfanotrofio di Herat, le fotografie di Alberto Alpozzi e una serata di beneficenza

AFGHANISTAN NEWS – dall’articolo di Alessandro Pino sul blog di Luciana Miocchi

marò_ciro.petronelli_italia-per-afghanistanL’Afghanistan proprio non riesce più a toglierselo dalla testa, il fotoreporter torinese Alberto Alpozzi: ha già trascorso le scorse festività natalizie presso la base militare italiana di Herat – nel sud del paese –  documentando le attività dei soldati che vi sono impegnati (vedi qui l’interrvista televisiva su Quartarete Tv) e conta prossimamente di tornarvi per una serie di altri progetti che ha in mente, visto il positivo riscontro ottenuto anche presso le alte sfere della Difesa. Nel frattempo ha partecipato di recente a una serata di beneficenza in favore dei giovani ospiti dell’orfanotrofio di Herat, tenutasi a Brindisi dove è di stanza il Reggimento San Marco e promossa da un appartenente a quel reparto, il fuciliere di Marina Ciro Patronelli, brindisino anche lui, conosciuto dal fotografo presso la base Camp Arena: «Era uno dei ragazzi  che mi faceva da angelo custode quando mi muovevo in città». alpozzi_brindisiLo  spettacolo, organizzato con la collaborazione di alcune associazioni culturali e il contributo della Provincia di Brindisi, è stato aperto proprio dalla proiezione di fotografie scattate da Alberto ai bambini di Herat (vedi qui il video) ed è proseguito con le performance di ballerini, maghi, comici e di una pittrice che invece della  vernice usava una polvere luccicante, tutti presentati dal conduttore radiofonico Mauro Stiky (guarda su Facebook le foto della serata). «Molti continuano a domandarsi che cazzo ci siamo a fare in Afghanistan; credo sia importante che la gente sappia quanto questi ragazzi che lavorano laggiù vengano colpiti da  situazioni molto distanti dalle nostre  e anche quando tornano credono nel realizzare qualcosa per dare un futuro ad altre persone meno fortunate. Ritengo sia questo il messaggio che deve passare da eventi del genere». Ovviamente in tempi di crisi imperante parecchi preferirebbero si pensasse ai bambini italiani. Risponde Alberto: «Ciro dice che i bambini sono tutti uguali, lui ha conosciuto quella realtà e ne è rimasto colpito; sono d’accordo con lui e poi fare del bene da quando ha una bandiera ?». Giusto.

E allora per non scontentare nessuno ci permettiamo di lanciare noi un’ideada queste righe: una serata anche per i figli di tutte quelle persone che dopo aver perso il lavoro non hanno retto alla prospettiva di un futuro nero e si sono tolte la vita.

Ciro_Brindisi_articolo
Nuovo Quotidiano di Puglia - Brindisi, articolo del 1° Aprile 2012 a pag. 19

ARTICOLI CORRELATI:

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012

Categorie
Blog

Afghanistan, slightly in focus

AFGHANISTAN NEWS – dall’intervista di Fabio Lepore su FUTURA – Il giornale on-line del Master in giornalismo di Torino

alpozzi-afghanistanDalle cattedre del Poli alle strade polverose dell’Afghanistan. Con la macchina fotografica al collo. Ogni situazione è buona per ottenere lo scatto giusto: quello del reporter a caccia di immagini, nonostante siano lontani i tempi di Robert Capa, è ancora oggi un mestiere che non conosce confini. E richiede passione. La stessa che ha portato il torinese Alberto Alpozzi, classe 1979, a decidere di trascorrere l’ultimo Natale con i soldati italiani in missione a Herat, Ovest dell’Afghanistan.

Perché un’esperienza di questo tipo?
Quello che mi piace della fotografia è il fatto di poter ritrarre situazioni particolari, non comuni. Andare oltre, spingermi oltre a quello che chiunque può vedere. D’altronde, se ci pensi, oggi con le macchine digitali più o meno tutto è alla portata di tutti. Quindi il modo in cui un fotografo può differenziare la qualità e la professionalità del suo lavoro è arrivare in luoghi da documentare dove non tutti sono disposti o hanno la possibilità di andare. Documentare, anche, quello che gli altri vogliono soltanto vedere, ma non vivere. L’idea con cui sono partito per l’Afghanistan era questa. E poi, soprattutto, raccontare un periodo molto particolare, quello del Natale, e cercare di capire come viene vissuto a distanza da migliaia di italiani. Noi pensiamo che sono militari, ma prima di tutto sono ragazzi, uomini. E italiani. Persone che – scelta condivisibile o meno, ma non sta a me entrare nel merito di questo tipo di polemiche – hanno comunque scelto di stare distanti da casa, dalle famiglie, dalle mogli, dalle fidanzate e, molti, dai figli.

Eppure, quando sei partito, stavi lavorando a un altro progetto.
Sì, stavo insegnando, per il secondo anno, al Politecnico. L’anno scorso ho tenuto un corso di fotografia dell’architettura. Quest’anno invece il programma toccava tutto ciò che riguarda la comunicazione attraverso la fotografia. Ma quando sono tornato da Herat ho dedicato una lezione a spiegare come si lavora in un contesto come quello.

reportage_afghanistan_foto_alpozzi (6)Reporter di guerra o…
Di pace, direi, sicuramente. Quella italiana in Afghanistan è una missione di pace, d’altronde. E non mi piacciono i termini altisonanti. Non siamo superuomini. Non sono più gli anni dei fotoreporter alla Capa, che rischiavano davvero la pelle. In Afghanistan ti puoi trovare in situazioni spiacevoli, magari sotto il tiro dei mortai, ma non è paragonabile al lavoro dei fotografi di 40 o 50 anni fa.

Su cosa ti sei concentrato mentre eri lì?
Sull’aspetto umano e sulla “normale” quotidianità dei militari. L’aspetto umano è la prima cosa che conta, soprattutto perché noi italiani siamo davvero “brava gente”. Ed è una caratteristica che ci distingue e ci fa apprezzare all’estero soprattutto in situazioni come quella afghana. Dal mio punto di vista, è stata questa la notizia più importante, che sto cercando di far sapere agli italiani in patria.

marò_ciro.petronelli_italia-per-afghanistanUn ricordo particolare?
Ho stretto rapporti d’amicizia con molti ragazzi. Ma un bellissimo momento è legato a una foto che ho fatto a uno dei Marò all’interno del carcere di Herat. Si è commosso quando ha visto i bambini. Gli sono venuti gli occhi lucidi e mi ha chiesto di scattargli una foto. A Brindisi i suoi amici e colleghi l’hanno stampata e appesa nei negozi. È stata per me una grande soddisfazione. E infatti proprio nel week end sarò a Brindisi perché questo Marò, che si chiama Ciro Petronelli, ha organizzato con l’associazione culturale “Zonno Cacudi Show” un evento di beneficenza intitolato “Italia per l’Afghanistan” e raccoglieranno fondi per i bambini afghani orfani.

Stai già pensando alla prossima volta?
Certo. Un altro aspetto dell’Afghanistan che mi ha affascinato è il suo paesaggio. Viaggiando da una base all’altra con gli elicotteri ti accorgi che esiste un altro punto di vista, che l’Afghanistan non è solo guerra. Mi piacerebbe quindi molto documentare quello che è l’Afghanistan visto dall’alto: vorrei concentrarmi su questo, contestualizzandolo con l’attività dell’Esercito.

ARTICOLI CORRELATI:

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012

Categorie
Featured Articles Foto Afghanistan

Reportage: Shindand, Afghanistan

AFGHANISTAN NEWS Il Col. Alfonso Cipriano dell’Aeranautica Militare Italiana impegnato nella missione Isaf a Shindand in Afghanistan

Però_CIPRIANO_Alpozzi-1

Leggi qui l’articolo “L’uomo che insegna agli afghani come volare”. La storia del colonnello dell’Aeronautica Militare Italiana che istruisce i futuri piloti dell’Afghan Air Force.

[nggallery id=162]

ARTICOLI CORRELATI:

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012

Categorie
Blog

Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

AFGHANISTAN NEWS – dall’articolo “Una serata per i bambini afghani” di Maristella De Michele – BrindisiReport.it

Il marò Ciro Patronelli nel carcere femminile di Herat. Foto Alberto Alpozzi
Il marò Ciro Patronelli nel carcere femminile di Herat. Foto Alberto Alpozzi

BRINDISI L’associazione culturale “Zonno Cacudi Show” presenta una serata di beneficenza l’1 aprile prossimo: “L’Italia per l’Afghanistan”. L’evento si terrà presso il contenitore culturale 0831 – advertising space di Brindisi in via Appia, con inizio spettacolo alle 20. Tutto il ricavato sarà devoluto agli orfanotrofi dell’Afghanistan.

Una serata dedicata ai bambini orfani dell’Afghanistan. Una serata di musica e spettacolo per mamme, papà e piccini. Un piccolo gesto d’amore per regalare un sorriso ad un bambino che combatte ogni giorno con la guerra. Promotore della serata del primo aprile è Ciro Patronelli, marò brindisino del Reggimento San Marco il quale è tornato da circa un mese dalla missione ad Herat dove ha toccato con mano la difficoltà nel vivere e soprattutto ha scoperto che con davvero poco si riesce a donare un momento di felicità ai piccoli orfani.

Al suo rientro in Italia, insieme alla collaborazione di Zonno Cacudi Show, 0831, Afi Accademia fotografica italiana, l’associazione culturale Eliana Mangione, Aria ti Mari, Danza in disordine e con il contributo della Provincia di Brindisi, ha organizzato la serata di beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan” il prossimo primo aprile.

L’evento di domenica 1° Aprile prossimo inizierà alle ore 20 nel contenitore dell’ex Cinema Eden di via Appia.

L’Italia per l’Afghanistan – 1° Aprile - Brindisi
L’Italia per l’Afghanistan – 1° Aprile - Brindisi

Diversi gli artisti che si alterneranno durante la serata. Dal coro di bambini in collaborazione con Eliana Mangione che sfileranno con le bandiere con i colori italiani e afghani, inoltre, la serata sarà caratterizzata, da un reportage fotografico a cura di Alberto Alpozzi, fotoreporter torinese (leggi intervista “In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia”) in Afghanistan (vedi il reportage fotografico). Una parte dell’evento sarà anche dedicata all’Airpainting con Angela Dima glitter paiting – creazione live su tela – e diversi break di danza curati dalla scuola “Danza in disordine”.

Un momento sarà anche dedicato alla musica popolare come la pizzica con i ballerini più rinomati di Puglia. L’intrattenimento per i bambini e no solo sarà affidato all’illusionismo e alla magia con Robertino Magic Show. Il presentatore della serata sarà Mauro Stiky ,  showman e speaker radiofonico. “L’Italia per l’Afghanistan” è un progetto fortemente voluto dagli organizzatori e promotori. L’ingresso alla serata è su prevendita ed il costo del biglietto è di 10 euro. Il ricavato sarà devoluto ai bambini orfani dell’Afghanistan. Per maggiori informazioni e prevendite telefonare ai numeri 347/6564474 oppure 333/3474135 o 349/2445166.

Clicca qui per l’evento ITALIA PER L’AFGHANISTAN su Facebook

Clicca su MI PIACE nella mia pagina Facebook e aggiungimi tra i tuoi contatti di GOOGLE+

29 Marzo 2012: Afghanistan e iniziative di solidarietà

dal blog di Luce Tommasi e Imman Sabbah – RaiNews

Missioni in Afghanistan e solidarieta’ con la popolazione locale, a cominciare dai bambini. Come abbiamo visto negli ultimi giorni, i militari italiani in missione ad Herat continuano ad essere esposti ai rischi di attentati. L’ultima vittima e’ il sergente Michele Silvestri, ucciso sabato scorso in un attacco alla base italiana in Gulistan, in cui sono rimasti feriti altri cinque soldati. Ma nonostante le difficili situazioni in cui operano, i nostri militari continuano a lavorare anche per aiutare la popolazione afghana con iniziative di solidarieta’. In studio con Luce Tommasi e Josephine Alessio, Ciro Patronelli, maro’ del Reggimento San Marco della Marina Militare e presidente dell’Associazione culturale “Zonno Cacudi Show”. In collegamento da Herat, interviene il colonnello Vincenzo Lauro, portavoce del Contingente Italiano. Partecipa a Diritti anche Carlotta Ricci, che segue per Rainews le missioni militari all’estero. CLICCA QUI PER VEDERE L’INTERVISTA

ARTICOLI CORRELATI:

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012

Categorie
Blog

Afghanistan: Morti tre militari italiani in un incidente nei pressi di Shindand

lince_shindand_afghanistan
VTLM Lince del 66° Reggimento Aeromobile Trieste durante una pattuglia

AFGHANISTAN NEWS – News Release – Regional Command West,20 Febbraio 2012

Grave incidente in Afghanistan – Deceduti 3 militari italiani

Questa mattina a circa 20 Km a sud-ovest di Shindand, un VTLM Lince del Contingente italiano è rimasto coinvolto in un incidente nel corso del quale tre militari hanno perso la vita. Il mezzo appartenente alla Task Force Center (vedi foto) con base a Shindand, era impegnato in un’attività tesa a recuperare una unità bloccata dalle condizioni meteo particolarmente avverse, quando nell’attraversare un corso d’acqua, si è ribaltato intrappolando, al suo interno,  tre dei militari dell’equipaggio che sono successivamente deceduti.

Sono in corso tutte le attività possibili per informare le famiglie dei militari.


Aggiornamenti sul grave incidente in Afghanistan di questa mattina

Nell’incidente di questa mattina, in cui sono deceduti tre militari italiani, si sono rese necessarie cure mediche per il quarto militare a bordo del VTLM Lince, ribaltatosi mentre svolgeva una attività tesa a recuperare una unità bloccata dalle condizioni meteo particolarmente avverse.

Il militare, ricoverato presso l’Ospedale Militare (ROLE2) di Shindand per ipotermia, è cosciente e non è in pericolo di vita.


Del 66° Reggimento Aeromobile “Trieste” i militari deceduti in Afghanistan

I militari deceduti questa mattina sono il Caporal Maggiore Capo Francesco CURRO’, nato il 27 febbraio 1979 a Messina, il 1° Caporal Maggiore Francesco Paolo MESSINEO, nato il 23 maggio 1983 a Palermo, e il 1° Caporal Maggiore Luca VALENTE, nato l’8 gennaio 1984 a Gagliano del Capo (LE).

Inoltre, il militare sottoposto a cure ha avvisato personalmente i propri familiari. I militari coinvolti sono in forza al 66° Reggimento Aeromobile “Trieste” di Forlì (vedi foto).

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Biagio Abrate, a nome delle Forze Armate e suo personale, esprime ai familiari il profondo cordoglio per la morte dei propri cari. Il Generale Abrate ha inoltre manifestato al Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Claudio Graziano, il proprio dolore e il sentimento di vicinanza alla Forza Armata per il lutto che l’ha colpita.


MESSINEO-Francesco_VALENTE-Luca_CURRO'-Francesco copia
Da sinistra il 1° Caporal Maggiore MESSINEO Francesco Paolo, il 1° Caporal Maggiore VALENTE Luca e il Caporal Maggiore Capo CURRO' Francesco

Shindand_Afghanistan

ARTICOLI CORRELATI:

In pattuglia il 24 Dicembre 2011 – Vigilia di Natale con la QRF dell 66° Aeromobile Trieste

In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

Un fotoreporter torinese in Afghanistan

Natale a Herat, tra i marò

Alpozzi: fotografare il Natale a Herat

L’uomo che insegna agli afghani come volare

Cordoglio del Presidente della Repubblica:

Partecipazione e cordoglio per la morte in un incidente di tre militari italiani in Afghanistan
Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, appresa con profonda commozione la notizia del grave incidente in cui hanno oggi perso la vita tre militari italiani, impegnati nella missione internazionale per la pace e la stabilità in Afghanistan, esprime i suoi sentimenti di solidale partecipazione al dolore dei famigliari dei caduti, rendendosi interprete del profondo cordoglio del Paese.

Cordoglio del Presidente del Senato:

Militari morti in Afghanistan, il Presidente Schifani: “Profondo dolore”
Appresa la notizia del tragico incidente stradale avvenuto in Afghanistan, dove purtroppo hanno perso la vita tre militari italiani, il Presidente del Senato, Renato Schifani, esprime il più profondo dolore e sincero cordoglio alle famiglie dei soldati e la più sentita solidarietà alle Forze Armate, anche a nome dell’Assemblea di Palazzo Madama.

Cordoglio del Presidente del Presidente della Camera:

Afghanistan, cordoglio Fini per soldati vittime incidente
Il Presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini, ha inviato il seguente messaggio al Capo di Stato Maggiore della Difesa, Biagio Abrate:
“Ho appreso con sgomento la notizia del tragico incidente avvenuto nei pressi di Shindand in Afghanistan, costato la vita a tre militari italiani, e nel quale un quarto nostro soldato è rimasto ferito.
A nome mio e della Camera dei deputati, La prego di voler far pervenire alle famiglie delle vittime il più intenso cordoglio, e al militare ferito i più fervidi auguri di pronta guarigione.”

Cordoglio del Presidente del Presidente del Consiglio:

Incidente Afghanistan, cordoglio del Presidente del Consiglio
Il Presidente del Consiglio Mario Monti ha appreso con dolore il grave incidente in Afghanistan nel quale hanno perso la vita tre militari italiani ed esprime il suo cordoglio alle famiglie, partecipando con commozione al loro lutto.

Cordoglio del Ministro della Difesa:

MINISTRO DI PAOLA: CORDOGLIO PER MILITARI DECEDUTI IN AFGHANISTAN
Il Ministro della Difesa Giampaolo Di Paola, appresa la notizia del grave incidente avvenuto oggi in Afghanistan, dove hanno perso la vita tre soldati in forza al 66° reggimento aeromobile “Trieste” di Forlì, ed un quarto soldato è rimasto ferito, ha inviato al Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Gen. C.A. Claudio Graziano, il seguente telegramma:
“La notizia del tragico incidente avvenuto questa mattina in Afghanistan, nel quale hanno perso la vita il Caporal Maggiore Capo Francesco Currò, il 1° Caporal Maggiore Luca Valente e il 1° Caporal Maggiore Francesco Paolo Messineo, mi ha profondamente colpito.
In questa tristissima circostanza, voglia accogliere i sentimenti di sincero cordoglio delle Forze Armate e la mia sentita personale partecipazione al gravissimo lutto che ha colpito l’Esercito.
Voglia, inoltre, far pervenire al militare rimasto ferito nella circostanza gli auguri di pronta e completa guarigione ed alla sua famiglia le espressioni della mia particolare vicinanza”.
Il Ministro Di Paola ha, inoltre, inviato alle famiglie dei soldati deceduti il seguente telegramma:
“In questo dolorosissimo momento partecipo con profonda commozione, unitamente a tutto il personale delle Forze Armate, alla perdita del vostro congiunto, generosamente impegnato in una missione di grande valore umanitario.
Il suo ricordo rimarrà per sempre nella memoria di chi crede nella pace e nella solidarietà fra i popoli.
Vogliate accogliere l’espressione delle più sentite condoglianze”.

Cordoglio del Capo di Stato Maggiore della Difesa:

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa esprime il suo cordoglio per la morte dei militari italiani

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Biagio Abrate, a nome delle Forze Armate e suo personale, esprime ai familiari il profondo cordoglio per la morte dei propri cari. Il Generale Abrate ha inoltre manifestato al Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Claudio Graziano, il proprio dolore e il sentimento di vicinanza alla Forza Armata per il lutto che l’ha colpita.

Cordoglio del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito:

Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Claudio Graziano, e la Forza Armata tutta esprimono il più profondo cordoglio ai familiari del Caporal Maggiore Capo Francesco Currò, del 1° Caporal Maggiore Luca Valente e del 1° Caporal Maggiore Francesco Paolo Messineo, deceduti oggi nell’adempimento del dovere in Afghanistan.

Clicca su MI PIACE nella mia pagina Facebook e aggiungimi tra i tuoi contatti di GOOGLE+

Categorie
Blog

Reportage – L’uomo che insegna agli afghani come volare

AFGHANISTAN NEWS – REPORTAGE su Però Torino n. 56 – 27/01/2012 pagG.42-45 – Foto Alberto Alpozzi

Intervista al Col. Alfonso Cipriano dell’Aeranautica Militare Italiana impegnato nella missione Isaf a Shindand in Afghanistan e al Cap. Nicola Gatto dell’Esercito Italiano in missione presso l’OMLT di Herat – RC West.

Però_CIPRIANO_Alpozzi-1 Sfoglia la rivista on-line per leggere l’articolo

Però_CIPRIANO_Alpozzi-2Clicca qui per sapere dove trovare la rivista Però Torino

Clicca su MI PIACE nella mia pagina Facebook e aggiungimi tra i tuoi contatti di GOOGLE+

[nggallery id=155]

ARTICOLI CORRELATI:

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012

Categorie
Blog

Foto Reportage – Alpozzi: fotografare il Natale a Herat

alpozzi-foto_afghanistanAFGHANISTAN NEWS – dall’articolo “Alpozzi: fotografare il Natale a Herat” da Il Sito di Torino.it di Alessandro Boffa

Il fotoreporter torinese visita la base di Camp Arena: “Al fronte ho trovato umanità, sentimenti e tanto sacrificio”

Il fotografo torinese Alberto Alpozzi racconta alla redazione de Il Sito di Torino l’esperienza vissuta al fronte. Alpozzi, infatti, ha preso parte per dieci giorni alle operazioni della base militare Camp Arena, a Herat, documentando con la sua macchina fotografica la vita del fronte durante le festività natalizie.

Quanto tempo sei stato in Afghanistan?

Sono stato 10 giorni, dal 19 al 29 dicembre.

Dove sei andato precisamente?

Sono stato ad Herat, presso la base italiana Camp Arena, nell’ovest nell’Afghanistan nella zona di nostra competenza: RC-West (Regional Command West).

Avevi mai fatto “servizi” di questo tipo?

In un teatro operativo è stata la mia prima volta.

Qual è stato il primo pensiero quando hai messo piede sul suolo afghano?

Non ho avuto pensieri particolari. Quando devo documentare situazioni a me sconosciute cerco sempre di partire senza preconcetti e con la mente più libera possibile per cercare di raccontare gli eventi nella maniera più obiettiva possibile.

Qual era il tuo compito all’interno della base italiana? (avevi il compito di riprendere e riportare un messaggio in particolare oppure eri ‘libero’ di fotografare ciò che preferivi)

Innanzitutto non sono stato solo nella base ma tutti i giorni prendevo parte a quelle che erano le varie attività operative del nostro contingente: dalle pattuglie ai trasferimenti, in più ho “visitato” diversi luoghi di intervento come il cantiere del nuovo terminal dell’aeroporto di Herat che è seguito dal PRT di Herat (Provincial Reconstruction Team) su base del 3° Reggimento Bersaglieri della Brigata Sassari con sede a Teulada oppure il carcere femminile anch’esso seguito dal PRT. Io non “avevo compiti”, sono un fotoreporter e come tale ho documentato la missione Isaf in Afghanistan: per alcune testate ho seguito da vicino le festività natalizie, per altre la scuola di polizia all’interno della quale opera un nucleo di Carabinieri e la Task Force “Grifo” della Guardia di Finanza che addestrano la polizia afgana e la polizia di frontiera. Avevo totale libertà di riprendere tutto ciò che mi serviva per documentare al meglio le attività dei nostri militari con la loro collaborazione quotidiana in tutte le situazioni che richiedevo secondo i miei scopi. Io sono un fotografo freelance e non condivido il fare giornalismo secondo il quale si vuole dare un certo tipo di notizia, preconfezionata, e come tale ci si indirizza alla ricerca, spesso viziata, di quegli elementi che avvalorino ciò che si desidera raccontare distorcendo così la realtà; sono partito per l’Afghanistan senza alcuna idea precisa se non quella di documentare ciò che avrei visto per poi poterlo raccontare attraverso le mie immagini.

Qual era il compito delle truppe italiane in Afghanistan?

I nostri militari sono impegnati in Afghanistan nella missione Isaf (International Security Assistance Force) cioè un missione di sicurezza, di ricostruzione e di sviluppo. In tutto questo non dimentichiamo tutti i militari che si occupano di tutte quelle attività necessarie a mandare avanti e a gestire una base con 4 mila persone: dai pasti, alla logistica, alle attività di ufficio, all’infermeria. La base è come una città dove tutto deve funzionare perfettamente e tutto deve essere presente, ognuno ha il suo ruolo e tutti sono ugualment importanti e fondamentali.

I tuoi occhi e quelli della tua macchina fotografica hanno visto una realtà diversa da quella che gli era stata raccontata prima di partire?

Come spesso accade le notizie non corrispondono alla realtà, o meglio: le brutte notizie fanno vendere mentre i sacrifici quotidiani interessano poco agli editori specie se devono accontentare un certo tipo di lettori (ed elettori) che cercano solo conferme alle loro idee e non la conoscenza dei fatti. La realtà quotidiana che ho vissuto in Afghanistan è quella di connazionali che si impegnano con grande dedizione e professionalità in quello che fanno, credendoci e svolgendolo più che al meglio, sempre al massimo. Persone che lavorano anche 24 ore su 24 ore, non per mantenere il loro posto,  e 7 giorni su 7 senza lamentarsi.

Dire e fare: quante differenze tra ciò che in Italia si dice sulla missione in Afghanistan e ciò che, con i tuoi occhi e la tua esperienza, hai visto fare dai nostri soldati?

Dire e fare… Quanto si dice sui giornali della missione? Diversi giornali sia prima, sia durante, sia dopo la mia permanenza ad Herat mi hanno detto che “l’argomento” non interessa e questo l’ho trovato molto triste. Gli stessi giornali che danno spazio a signori nessuno ammalati di divismo che sponsorizzano un modus vivendi basato sull’arrivismo e la fama temporanea che può darti la televisione con tanto di bei soldoni per “premiare” la mediocrità di personaggi che non solo non hanno nessuna capacità ma non sanno nemmeno esprimersi. I giornali in Italia dicono talmente poco, complice la superficialità di comodo di molte persone, che alcuni prima della mia partenza mi hanno domandato se ci andavo in vacanza. In Afghanistan ho trovato degli italiani che con dignità e umiltà svolgono un lavoro difficile con notevoli sacrifici senza clamore. In Italia si dice molto e si fa poco, in Afghanistan gli italiani che vi lavorano fanno molto e dicono poco.

Ho visto lo scatto con i bambini che si nascondono dietro le mura della base: com’è il rapporto tra i soldati italiani e i piccoli afghani?

Il rapporto tra i nostri militari con tutta la popolazione, non solo con i bambini, si basa prima di tutto sul rispetto. Grazie al modo di porsi verso la popolazione, mai dall’alto verso il basso, fa si che il nostro contingente sia molto apprezzato e stimato: quotidianamente vi sono insurgents, gli insorgenti, che si consegnano spontaneamente, deponendo le armi chiedendo di entrare a far parte del programma di reintegrazione; questo è un grande traguardo ed è la dimostrazione lampante di come la nostra missione sia di pace e non di guerra (come molti preferiscono farci credere) perché si ottengono degli ottimi risultati da parte del nostro esercito senza l’utilizzo delle armi ma solamente parlando e confrontandosi con la popolazione, a stretto contatto con la gente, per la strada e nei villaggi, e soprattutto portando aiuti tangibili alla popolazione, come la costruzione dei pozzi nei villaggi, le scuole e mettendo in sicurezza le strade.

E in generale con la popolazione?

Come ho detto prima anche e soprattutto con la popolazione vi è un ottimo rapporto tant’è che molti lavori all”interno della base italiana sono svolti dai local worker, i lavoratori locali, segno tangibile di quanto si stia creando una nuova economia per un paese in difficoltà, così come tutti i progetti che vengono realizzati dal PRT: ben 47 realizzati nel 2011 e 44 in programma per il 2012. I cantieri vengono appaltati a imprese locali con dipendenti afghani creando così posti di lavoro e favorendo la creazione di personale specializzato, con la nostra supervisione per evitare infiltrazioni da parte della criminalità organizzata, si incentiva lo sviluppo secondo le necessità primarie che vengono discusse e concordate direttamente con i governatori locali.

I militari italiani, dopo la tua esperienza, sono ancora i “mercenari” dipinti da certa parte dell’opinione pubblica o puoi, con la voce dell’esperienza sul campo, smentire questa definizione?

Questa è la classica affermazione tendenziosa e populista di persone che evidentemente svolgono il loro lavoro gratis, di persone che evidentemente non devono pagare le bollette e il mutuo e che ritengono che il lavoro altrui non abbia valore. Sono le stesse persone che plaudono noti comici e showmen pagati milioni di euro e che vanno in solluchero di fronte alla spazzatura televisiva della quale vorrebbero fare parte per guadagnare denaro mettendo in mostra le loro incapacità. Tutti se non erro per vivere cerchiamo di svolgere un mestiere per mantenerci e dare da mangiare ai nostri figli quindi siamo tutti mercenari, dunque mi chiedo quale voglia essere il becero sottinteso nell’affermazione che i militari in missione siano dei mercenari e che lo fanno solo per denaro: dovrebbero forse lavorare gratis? Chi lavora gratis? Ma poi pensiamo ad un qualunque dipendente che viene mandato in trasferta all’estero per la sua azienda: non viene pagato di più? Lo sappiamo che lo stesso dipendente se viene mandato in trasferta in paesi come l’India viene pagato maggiormente del collega che va in trasferta negli Stati Uniti? Dunque i nostri ragazzi in missione all’estero non dovrebbero essere retribuiti di più (senza contare i rischi)? L’opinione così detta pubblica non è l’opinione della gente, ma l’idea che alcuni fanno passare, gli stessi che prendono lauti stipendi e non si preoccupano nemmeno di mantenere calda la poltrona alla quale sono attaccati; medesime affermazioni le ho sentite fare da alcuni dipendenti pubblici (come di fatto lo sono anche i militari) durante una  pausa caffè che è durata 40 minuti, mentre agli sportelli vi erano code interminabili; quindi se erroneamente volessimo anche accettare l’affermazione che i militari sono pagati tanto per andare in missione non è forse più giustificato pagare qualcuno che il suo lavoro lo svolge per davvero piuttosto che mantenere persone che rubano quotidianamente lo stipendio che noi cittadini paghiamo con le nostre tasse?

Qual è stato lo scatto più ‘profondo’ che hai fatto? Cosa rappresentava?

Lo scatto più profondo che ho realizzato credo sia quello che ho fatto ad uno dei ragazzi del Battaglione San Marco della mia scorta all’interno del carcere femminile di Herat che si è commosso davanti ad un bimbo, figlio di una delle detenute. Credo sia molto significativo dell’umanità dei nostri ragazzi e dei sentimenti che portano costantemente con sé.

Ci racconti il Natale passato al fronte?

Dunque il Natale vero e proprio cioè il 25 dicembre l’ho passato insieme ad una pattuglia dei Fucilieri dell’Aria in alcuni villaggi nella zona di Herat. Una pattuglia quotidiana che viene svolta per sicurezza; un lavoro delicatissimo che non si interrompe mai nemmeno nel giorno di Natale, così come tutte le altre attività all’interno e all’estero della base. La vigilia invece, il 24, ho preso parte ad un’altra pattuglia con il 66° Aeromobile di Trieste. Il lavoro è svolto regolarmente anche in tutti quei giorni di festa che in patria invece si fa vacanza (alcune notti io ero ancora impegnato nell’invio di immagini ai giornali e andando negli uffici trovavo sempre qualcuno impegnato). La notte del 24 invece ho preso parte alla Messa celebrata all’interno di un hangar con centinaia di persone. Nei giorni precedenti invece ho documentato la preparazione dei doni, da parte del nostro esercito, per i local worker e i loro figli, poi distribuiti durante una piccola festa organizzata per i bimbi con tanto di spettacolo di magia organizzato da un colonnello dei bersaglieri.

Qual è stato l’ultimo pensiero che hai avuto quanto hai messo il piede sull’aereo che ti riportava a casa?

Il mio ultimo pensiero è stato che 10 giorni non sono sufficienti per documentare l’impegno dei nostri ragazzi e che i miei pochi giorni di impegno in una situazione difficile siano nulla in confronto ai 6 mesi dei nostri militari. Dopo solo 10 giorni si iniziano a sentire la mancanza di molte cose che diamo per scontate, alle quali siano abituati e alle quali non diamo peso. Si imparano ad apprezzare le piccole cose e soprattutto l’importanza di una semplice stretta di mano, di uno sguardo di approvazione e complicità.

Ci torneresti?

Certamente Ho trovato più umanità, gratificazione e rispetto da parte dei ragazzi con i quali ho lavorato in Afghanistan per soli 10 giorni che quella che vi è in Italia con persone e amici che conosco da anni. Ho riscoperto cosa significa amare il proprio lavoro, svolgerlo al meglio e rispettare quello altrui; mi ero scordato cosa fossero l’umanità, la dignità e il rispetto delle persone e soprattutto il valore di un sacrificio e il credere profondamente in quello che si fa che va ben oltre il mero guadagno e il successo personale, spesso a discapito di altri, ho riscoperto il valore del lavoro di squadra e dell’amicizia.

A chi vorresti consigliare la tua esperienza?

La consiglierei a tutte quelle persone che sentenziano e che criticano stando seduti comodamente a casa loro con tutte le loro comodità, la loro bella vita fatta di code nei centri commerciali, di aperitivi e di scioperi che inneggiano a presunti diritti scordandosi i loro doveri, a tutti coloro ai quali non saranno piaciute alcune mie affermazioni e a quelli che si sono impossessati di una ingiustificata superiorità ideologica basata solo su preconcetti costruiti a tavolino e non sui fatti: per parlare di quella che alcuni definiscono guerra dovrebbero prima viverla! Ho personalmente trovato più umanità e sentimenti in una situazione di crisi di quella che vi è tutti i giorni qui a casa… La consiglio a quelli che non credono alle persone che non gli dicono quello che vogliono sentirsi raccontare: vadano a verificare di persona! Io ho rinunciato al mio Natale per farlo.

Grazie ad Alberto Alpozzi (in alto a destra nella foto con la sua macchina fotografica)

Clicca su MI PIACE nella mia pagina Facebook e aggiungimi tra i tuoi contatti di GOOGLE+

ARTICOLI CORRELATI:

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012

Categorie
Blog

Reportage – Natale a Herat, tra i marò

afghansitan_alpozzi_san-marcoAFGHANISTAN NEWS – dall’articolo “Natale a Herat, tra i marò” su BrindisiReport.it di Maristella De Michele

HERAT“Fare del bene non ha colore politico né bandiera”: esordisce così Alberto Alpozzi, il fotoreporter torinese che nel mese di dicembre 2011 è stato in Afghanistan, nella zona di Herat, affidata al comando della Brigata Sassari dell’Esercito , dove ha avuto modo “di conoscere e condividere delle esperienze con i ragazzi del Reggimento San Marco”, della Marina Militare,di stanza a Brindisi, che sono lì in missione di pace. Alcuni di loro termineranno tra qualche settimana l’impegno operativo con l’Isaf  e faranno rientro a casa nei primi giorni di febbraio 2012.

Occhi spalancati, paura ma anche tanti sorrisi. Queste le emozioni percepite e vissute in pieno da chi su quella terra afghana ci ha messo piede, come Alberto Alpozzi, un fotoreporter di Torino che dal 19 al 29 dicembre scorso è stato nella città di Herat. “E’ stata la mia prima missione – racconta  Alpozzi – e soprattutto averla concentrata in un periodo così particolare dell’anno l’ha resa ancor più emozionante. Ci ritornerò, o almeno lo spero, perché solo così, grazie anche all’affetto dei militari che oramai sono amici, la missione diventa davvero un momento di vita indimenticabile, dove si riesce a toccar con mano l’essenzialità della vita stessa”.

Tanta la violenza che domina lo scenario di questa fase di una guerra ormai trentennale, ma ci sono anche tanto coraggio e umanità da  parte di chi è là per mantenere quanto più possibile una situazione di pace. “Il mio lavoro – racconta il fotoreporter – a differenza di quello quotidiano fatto dai militari, è raccontare attraverso la fotografia, attraverso un obiettivo, ciò che realmente si vive in Afghanistan, in una città distrutta dalla guerra dove donne, uomini e bambini che si danno sostegno a vicenda, quotidianamente, per sopravvivere al meglio e magari anche con un sorriso”.

La foto allegata, è stata scattata proprio da Alberto Alpozzi, durante una visita presso il carcere femminile di Herat e ritrae un marò del San Marco, Ciro Patronelli,  brindisino, in missione di pace dal settembre scorso – e un bambino di circa due anni, figlio di una detenuta afghana. Basta guardare gli occhi di entrambi i soggetti della foto, per percepire le emozioni di entrambi i soggetti.

“La vera beneficienza, il vero aiuto, il più concreto – racconta ancora Alberto Alpozzi – è il lavoro che fanno i militari in missione in Afghanistan. Le armi non sono oggetti per far paura alla popolazione (già assai spaventata per la guerra) ma sono solo un monito per i gli autori di azioni criminali, affinché credano che ci sia qualcuno che ha paura di loro, e poi servono anche per difendersi ovviamente, perché tanto le insidie come le bombe, te le ritrovi ovunque”.

Purtroppo il pericolo, il terrore sono in ogni angolo di Herat, come in tutto il territorio afghano. Ci sono anche bande di criminali comuni che vivono per i traffici di droga e armi, la cui vendita concede loro la sicurezza e il potere di dire “qui è territorio mio e qui comando io”. I militari italiani, fortunatamente, dalla gente normale vengono visti come gli eroi della situazione, come gli eroi che effettivamente sono pronti ogni giorno a difenderli ed aiutarli a risanare una terra, ormai, distrutta. Il carcere femminile, ad esempio, come anche tante altre strutture nuove ad Herat –l’ospedale e le scuole – sono frutto dei fondi stanziati dalla Difesa e dalla Cooperazione, ma la costruzione è stata fatta dalle imprese locali, proprio per dare la possibilità di risollevare una piccola parte dell’economia del Paese.

“Una delle cose fondamentali dei nostri militari è il loro comportamento – racconta ancora il fotoreporter –, il saper rispettare la cultura di un Paese che li ospita è un elemento chiave della gente per non credere che loro sono lì per interessi. Purtroppo a volte, o forse spesso, ciò che fa notizia è la morte, quando invece dovrebbe essere questo messaggio concreto di chi è lì a portare i sorrisi a diventare la notizia principale”.

Basta, a fine giornata, una pacca sulla spalla per andare a dormire serenamente, la soddisfazione di poter dire che anche oggi non c’è stato nessun morto ma che invece si è stati capaci di mantenere un clima di sicurezza e fiducia. Certamente è questa la parte migliore dell’Italia rappresentata in questi scenari tragici dai suoi militari in missione di peace-keeping.

Clicca su MI PIACE nella mia pagina Facebook e aggiungimi tra i tuoi contatti di GOOGLE+

ARTICOLI CORRELATI:

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012

Categorie
Blog

Reportage – Un fotoreporter torinese in Afghanistan

afghansitan_herat_alpozziAFGHANISTAN NEWS

dall’articolo “Un fotoreporter torinese in Afghanistan” di Graziella Porro

Natale per noi ormai è andato,dopo la befana anche gli ultimi addobbi sono stati rimossi e le festività sono ormai un ricordo lontano,sembra passata un’eternità da un Natale definito il più triste degli ultimi anni per via della crisi. Pochi acquisti,pochi regali,poche cene fra amici e soprattutto pochi cenoni di Capodanno,i comuni hanno risparmiato anche sui botti con la scusa della sicurezza,e i morti e i feriti ci son stati lo stesso e tutti si sono lamentati. Eppure c’è chi avrebbe fatto carte false per poter passare le feste vicino alla famiglia seppur in modo  così minimale. Sono i militari italiani in Afghanistan che il fotoreporter Alberto Alpozzi giovane torinese e avventuroso professionista ha incontrato durante il suo viaggio di Natale in zone dove normalmente non si va per svernare.

<Uno dei ricordi più dolci e tristi allo stesso tempo che mi rimane – dice Alpozzi – è quello di un giovane tenente che stava addobbando un albero insieme ad una soldatessa,a cui ho chiesto di fare uno scatto natalizio. Non ha voluto il giovane militare e con uno sguardo tristissimo mi ha detto “sa non vorrei che mia moglie vedesse per caso questa foto e si rattristasse perchè non sono a casa a fare l’albero con lei>.

Storie che sembrano tratte da un film romantico e strappalacrime e che di lacrime sicuramente ne portano tante con se, figli,fratelli,mariti,padri che non hanno potuto passare neppure un minuto con la famiglia perchè sono così lontani per una missione di pace che, si hanno scelto loro,pagati profumatamente come dicono gli italiani più drastici,ma che potrebbe anche non dar loro la possibilità di tornare,pensano i piu’ teneri fra coloro che continuano a giudicare questa missione davanti alla tv e senza conoscenza.

<Sono pagati molto? – risponde Alpozzi con un tono piuttosto infastidito – perchè invece di giudicare col solito cervello imbottito dai media non proviamo per un attimo soltanto a ragionare su quanto potrebbe guadagnare una persona inviata all’estero da una grande azienda,a quanto mi risulta prenderebbe due stipendi,uno in patria e uno in loco,lavorerebbe otto ore massimo 10 al giorno e avrebbe a disposizione un appartamento o una comoda stanza d’hotel  e farebbe sicuramente una vita decorosa e magari anche divertente,quale cifra puo’ pagare 15/20 ore consecutive di lavoro lontano da casa,in situazioni pericolose e disagiate col rischio di non vedere mai piu’ la propria famiglia?>.

Il giovane reporter sembra infastidito da queste illazioni che spesso si sentono sulla nostra missione di pace e racconta di aver trovato là una parte d’Italia che qui non esiste più,forti legami d’amicizia,grande senso di squadra e massima solidarietà,serietà e impegno e nel cuore solo la famiglia.

<Molti sono giovanissimi e qualcuno ha già figli di pochi mesi che non sta vedendo crescere se non su Facebook.>.

Quale è la sensazione più forte che ha avvertito arrivato sul posto?

L’amicizia fra loro,un legame molto forte,un sentimento che non vedevo sotto quella luce da tempo.Anche verso di me,quei ragazzi dopo poco tempo che stavo con loro mi sembrava di averli sempre conosciuti,molto di più di certi amici che conosco da anni.Anche ora che sono tornato il legame con loro non si è affievolito come succede quando passi tempo con gente che ti piace e poi ti riprometti di rincontrare ma non mantieni  e ti nascondi dietro scuse di mancanza di tempo o altro.Noi ci sentiamo su facebook o su altri social network e chiacchieriamo di tutto e di niente,è davvero straordinario.>

E la sensazione più negativa?

Sapere che dentro di loro soffrono soprattutto per la lontananza da casa,ho la sensazione che loro sappiano quanto valgono i rapporti umani molto più di molti di noi che avendoli a portata di mano li diamo per scontati.>

Pensa che abbiano paura? l’ha avvertita?

>Sono Soldati addestrati ma sono anche esseri umani.>

Che cos’è che l’ha stupita di più?

la differenza fra i rapporti gerarchici che c’è rispetto all’ambiente di una normale caserma.Un colonnello mi ha risposto..”Vede noi siamo quì per lavorare,tutti,e le stellette contano fino ad un certo punto.Se devo dare una mano a scaricare un camion il mio grado non conta,lo faccio anche io come gli altri.>

<Io non ho fatto il militare – continua Alpozzi – ma penso che sia davvvero una cosa molto importante questa.>

Si sentono eroi?

<No non ci sono eroi,ma solo ragazzi,uomini normali che hanno fatto una scelta perchè ci credono e la portano avanti con professionalità e senso del dovere.>

Ha mai avuto paura durante il suo viaggio?

<No,mai e credo che questa sensazione di tranquillità,nonostante il luogo dove mi trovavo, la devo a loro.>

Come hanno preso a casa sua l’idea di partire?

<Sorvolo sulle preoccupazioni di mia madre ma è una mamma quindi tutto regolare,la mia compagna non ha mai detto apertamente come la pensava ma era felice per me sapendo quanto fosse importante per me ciò che andavo a fare.>

Clicca su MI PIACE nella mia pagina Facebook e aggiungimi tra i tuoi contatti di GOOGLE PLUS

ARTICOLI CORRELATI:

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012

Categorie
Blog

Intervista – In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

AFGHANISTAN NEWS – Il fotografo torinese Alberto Alpozzi ha trascorso il Natale a Herat

dall’articolo su “Cronaca Qui – Torino” del 7 Gennaio 2012, pag. 8 – leggi articolo on line –

operativa_6Con la sua Nikon ha fissato i volti e le emozioni di un Natale al fronte. I sorrisi dei bambini e la commozione dei militari. Padri e madri in divisa che hanno mangiato il panettone nella base italiana di Herat, regalando sacchi a pelo ai piccoli afghani, lontani migliaia di chilometri dall’Italia e dai loro figli. «Ero partito con l’idea di fare un reportage in uno scenario di guerra – racconta Alberto Alpozzi, 32 anni, fotoreporter torinese – ma a casa ho portato molto di più. Laggiù – racconta appena tornato dall’Afghanistan – ho scoperto che cosa conta davvero nella vita e ho conosciuto la parte migliore dell’Italia. Uomini e donne che ogni giorno, 24 ore su 24, rischiano la vita per garantire la sicurezza e la ricostruzione di un Paese che è ancora in mano alle bande della criminalità organizzata». In Afghanistan, come giornalista embedded, ha potuto seguire l’esercito nelle attività quotidiane, dentro Camp Arena e nei villaggi vicini. «Il giorno della vigilia e a Natale – racconta – sono uscito con i militari impegnati nel servizio di pattugliamento. Un’attività tanto importante quanto delicata e pericolosa, che io ho potuto seguire in condizioni di massima sicurezza. natale (2)C’erano nove persone che, per farmi fare qualche fotografia, hanno rischiato la vita. Persone che ogni giorno devono stare attente a tutto, perché il pericolo può essere ovunque. In una moto che ti sorpassa, o sul balcone da cui si affaccia una donna». Con i militari, Alpozzi ha stretto un rapporto speciale. «Siamo diventati amici – spiega – e con qualcuno continuiamo a scriverci. Da loro ho imparato molto, e vedendo ciò che hanno già realizzato, dalle scuole, alle carceri, agli ospedali, ho potuto vedere che c’è un’Italia che funziona. Che progetta, organizza appalti e poi costruisce gestendo al meglio le risorse economiche tanto che il nostro modello è invidiato, e imitato, da tutti gli altri Paesi». L’esperienza, naturalmente, è stata molto importante anche dal punto di vista professionale. «In Afghanistan – spiega ancora il reporter – ho capito che fare il fotografo è il dover vivere quegli istanti che gli altri vogliono solo vedere. E i risultati che ho ottenuto con il mio reportage sono molto soddisfacenti. E’ solo un inizio però – conclude – e il prima possibile tornerò dai miei amici in guerra».

su Youtube l’intervista a QuartareteTv sul mio reportage in Afghanistan

Clicca su MI PIACE nella mia pagina Facebook e aggiungimi tra i tuoi contatti di GOOGLE PLUS


Leggi l’articolo ripreso anche da:

Rai World – ItaliAfghanistan, Tutte le voci sulla missione di pace

Nonfanotizia – il giornale che da spazio alle notizie ritenute da altri “poco interessanti”

AmarenaMagazine – La rivista che ha gusto

"In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell'Italia" - Cronaca Qui - Torino, 7 Gennaio 2012, pag. 8
"In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell'Italia" - Cronaca Qui - Torino, 7 Gennaio 2012, pag. 8

ARTICOLI CORRELATI:

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012