Categorie
Blog

Il faro di Mussolini – Presentazione libro

IL FARO DI MUSSOLINI

“L’Opera coloniale più controversa e il sogno dell’Impero della Somalia Italiana. 1889-1941″ di Alberto Alpozzi

Il faro di mussolini_cover (STAMPA).inddPresentazione del libro “Il faro di Mussolini” 001 Edizioni a Torino lunedì 23 marzo 2015, alle ore 20.30, presso l’OSA Lingotto in via Bizzozero n. 26.

Introducono Giorgio Ballario, scrittore e giornalista de La Stampa, e Augusto Grandi, scrittore e giornalista de Il Sole 24 Ore.

“Un avvincente viaggio nella Somalia Italiana, la più lontana colonia d’oltremare, che riscopre un capitolo esotico e trascurato in un inedito racconto attraverso documenti che escono per la prima volta dagli archivi e le parole di uomini, le cui imprese silenziose e spesso esemplari si sono intrecciate con la Storia. I luoghi e le opere di un tempo perduto che hanno caratterizzato un’Italia dimenticata.”

Cartella stampa della casa editrice 001 Edizioni cliccando qui

dalla PREFAZIONE di Giorgio Ballario: Intorno alla questione del faro Guardafui l’autore ricostruisce il mondo perduto e avventuroso della navigazione tra Mar Rosso e oceano Indiano, delle esplorazioni italiane e delle conquiste coloniali, della documentazione topografica e fotografica di una nazione, la Somalia, che ancora negli Anni Venti del secolo scorso era una sorta di “buco nero” sugli atlanti internazionali. Fino a seguire le tracce dell’ultimo guardiano del faro” CONTINUA A LEGGERE QUI

dall’INTRODUZIONE di Giorgio de Vecchi di Val Cismon: Credevo che pochi s’interessassero a queste vicende […] È stata quindi una sorpresa scoprire che c’era un giovane reporter che s’interessava a quei luoghi e a quei fatti lontani nel tempo e nello spazio. Leggendo il lavoro di Alberto Alpozzi ho ritrovato quei racconti descritti da mio nonno, arricchiti di dati e precisazioni […] Se si fosse considerata un po’ più la storia di quelle genti e di quelle terre, forse si sarebbero evitati degli errori e magari qualche orrore.” CONTINUA A LEGGERE QUI

ACQUISTA ORA una copia de “Il faro di Mussolini” firmata dall’autore CLICCANDO QUI IN ESCLUSIVA 60 GIORNI PRIMA DELLA MESSA IN DISTRIBUZIONE NELLE LIBRERIE NAZIONALI

ARTICOLI CORRELATI:

Presentazione libro “Il Faro di Mussolini” da L’Italia Coloniale

PRESENTAZIONE libro “Il Faro di Mussolini” da Faro Francesco Crispi – Cape Guardafui

Un faro torinse contro i pirati africani da La Stampa

Categorie
Blog

IL FRONTE OVUNQUE – Graphic Novel

“Il fronte ovunque” Reportage Missione in Afghanistan

il fronte ovunque_001-edizioni-alpozzi-afghanistan-giardoTorino Comics, 13 aprile. Domenica mattina dalle ore 10.00 alle ore 11.00 al Torino Comics al Lingotto, nella sala arancione, si terrà l’anteprima della nuova graphic novel in lavorazione di 001 Edizioni sull’impegno delle Forze Armate Italiane nella missione ISAF in Afghanistan.

All’incontro parteciperanno il fotoreporter Alberto Alpozzi, autore del reportage in Afghanistan, e il disegnatore Sergio Giardo.

“Il fronte ovunque” è un progetto editoriale nato dal Diario Afghano di Alberto Alpozzi scritto durante l’utlima missione in Afghanistan nel dicembre 2012. Racconta la vita dai militari in missione con un taglio umano e non politico, che unirà tutti i linguaggi comunicativi della carta stampata: le immagini, i testi e il fumetto.

L’uscita in libreria è prevista per novembre 2014.

Evento su Facebook cliccando qui

ARTICOLI CORRELATI:

– Civico20 News “Il fronte ovunque”

– Però Torino “Il fronte ovunque, la foto si fa fumetto”

– Torino Cronaca “Il fronte ovunque a Torino Comics”

– Rassegna Stampa Militare “Il fronte ovunque. Graphic novel della missione in Afghanistan”

– Studenti Creativi “Professione fotoreporter. Il fronte ovunque”

.

Categorie
Blog

FOTOCONFERENZA “Le Missioni Internazionali delle Forze Armate Italiane”

UN FOTOREPORTER TORINESE CON L’ESERCITO ITALIANO – ALBERTO ALPOZZI

conferenza_alpozzi_regione_piemonte_torinoSabato 22 marzo 2014, ore 17.00 – Ingresso libero

Sala Stampa della Regione Piemonte (1° piano) Torino, Piazza Castello n° 165

CLICCA QUI per l’evento su Facebook

alpozzi_afghanistanFotoconferenza sulle Missioni Internazionali delle Forze Armate italiane documentate negli ultimi anni dal fotoreporter ALBERTO ALPOZZI nei teatri operativi ISAF Afghanistan, UNIFIL Libano e KFOR Kosovo più la Missione Atalanta nel golfo di Aden e oceano Indiano. Durante l’incontro verrano proiettate fotografie operative unitamente a video realizzati nei teatri operativi.

Porta una testimonianza operativa il Cap. Gra. ANDREA PAGLIAROLI
Incontro a cura dell’Associazione Nazionale Granatieri di Sardegna

Entra nella pagina Facebook “FOTOGRAFIA E REPORTAGE” e clicca MI PIACE

LINK CORRELATI

Torino / Foto-Conferenza. “Le Missioni Internazionale delle Forze Armate Italiane” su Rassegna Stampa Militare

Alberto Alpozzi, un fotoreporter torinese con l’Esercito italiano su CronacaQui Torino

Un fotoreperter torinese con l’Esercito italiano – Alberto Alpozzi su Civico20 News


Categorie
Blog

GUERRA E’ PACE? – Fotoconferenza

fotoconferenza_guerra-è-pace-busano_alpozziBusano (Torino) – Venerdì 8 novembre alle ore 20.45 presso l’hangar elicotteri del campo volo Pegasus di Busano in via Stefano Bruda 33 si terrà la fotoconferenza “Guerra è pace?” sulle Missioni Internazionali delle Forze Armate italiane, organizzata dall’Associazione Paracadutisti del Canavese con il patrocinio del Comune di Busano.

Attualmente le Forze Armate Italiane, secondo Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, sono impegnate in tre teatri operativi all’estero: ISAF Afghanistan, UNIFIL Libano e KFOR Kosovo più la Missione Atalanta nel golfo di Aden e oceano Indiano.

Durante la serata verrano proiettate e commentate fotografie dai teatri operativi dell’Afghanistan, del Kosovo, del Libano e della Missione Atalanta per l’antipirateria.

Tutti i dettagli dell’evento qui nella pagina su Facebook “Incontro con il fotoreporter di guerra Alberto Alpozzi”.

Entra nella pagina Facebook “FOTOGRAFIA E REPORTAGE” e clicca MI PIACE

RASSEGNA STAMPA DELLA CONFERENZA

Estratto video della conferenza “Guerra è Pace?” a Busano – Video e montaggio di Paolo Tomassone

AlbertoAlpozzi_localport-foto_DigheraArticolo “Immagini e racconti dalle missioni dei guardiani della pace” di Francesca Dighera – Local Port

alpozzi-busano_la-stampaArticolo Un fotoreporter sulle rotte della paura”LA STAMPA 8 novembre 2013, Torino Sette pag. 42

alpozzi-busano_il-risveglioArticolo “Scatti dal fronte” – IL RISVEGLIO 7 novembre 2013, pag. 20

Categorie
Blog

Fotoconferenza Afghanistan, Libano, Kosovo e Antipirateria

Salotto con l’autore all’Inferno Cafè

fotoconferenza_infernocafè_torino_alpozziTorino, 26 settembre 2013 – Questa sera all’Inferno Cafè, in via Calvo 3, si terrà la fotoconferenza di Alberto Alpozzi sulle missioni internazionali in Afghanistan, Libano, Kosovo e sulla Missione Atalanta per l’Antipirateria.

Proiezione e commento delle più belle fotografie del reporter Alberto Alpozzi dagli scenari delle missioni di pace italiane.
Tavola rotonda aperta al pubblico con il contributo di un militare che si occupa di sminamento. Ingresso gratuito. Ore 21,00.

Con la partecipazione del Genio Guastatori dell’Esercito Italiano. Stampe fotografiche a cura de “La Bottega della Fotografica

Per info e dettagli qui l’evento su Facebook: “Salotto con l’autore – una fotoconfernza di Alberto Alpozzi”

Per approndire: “Esercito Italiano – Missioni Internazionali all’estero” e “Antipirateria: Missione Atalanta”

Entra nella pagina Facebook “FOTOGRAFIA E REPORTAGE” e clicca Mi Piace

ARTICOLI CORRELATI:

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012

Categorie
Blog

CAPO GUARDAFUI, RAS ‘ASÄYR راس عسير

Il faro Francesco Crispi a capo Guardafui, Corno d’Africa

La storia del faro di Guardafui è interamente raccontata nel libro “Il faro di Mussolini” 001 Edizioni.

ACQUISTA ORA IL LIBRO “IL FARO DI MUSSOLINI” Cliccando QUI

Leggi qui l’articolo “Un faro torinese contro i pirati africani” su La Stampa per il 90° anniversario 1924-2014

foto-faro_guardafui-© Foto Alberto Alpozzi (2)
Il faro Francesco Crispi oggi

Golfo di Aden, Somalia – Il Capo Guardafui, in somalo Gees Gwardafuy, si trova nella punta estrema del Corno d’Africa a 50 km. dalla città di Alula, nella regione autonoma del Puntland, al vertice nordorientale della Somalia, dove il continente africano divide l’oceano Indiano (verso sud) dal golfo di Aden (verso nord). Si presenta come un promontorio a 244 metri sul livello del mare, costituito da un roccione calcareo nero sormontato da una testa di marmo rosa, che richiama la figura di un leone accovacciato (vedi qui delle foto)

CLICCA “MI PIACE” NELLA PAGINA FACEBOOK “CAPO GUARDAFUI – FARO FRANCESCO CRISPI 1924”

Noto sin dall’antichità e descritto nel I secolo d.C. nel Periplo del Mare Eritreo, antico documento che descriveva le rotte nel mar Rosso, golfo Persico e oceano Indiano, chiamato dai greci Αρωμάτων ἀκρτήριον “Aromatum Promontorium” – promontorio delle spezie o capo degli aromi – era tristemente noto per i molteplici naufragi a causa delle dense foschie portate dai monsoni di sud-ovest.

faro-francesco-crispi-guardafui-somalia
Il faro Francesco Crispi nel '30

Tant’è che già nel XIX secolo re Osman Mahamuud del Sultanato Migiurtino, che controllava gran parte della costa nord-orientale somala, stipulò un accordo informale con la Gran Bretagna che prevedeva sovvenzioni annuali al re da parte dei britannici per proteggere gli equipaggi inglesi naufragati contro i saccheggio. L’accordo, tuttavia, non venne mai ratificato, perchè gli inglesi temevano che così facendo avrebbero creato un precendete per la creazione di accordi con i somali perdendo il potere nell’area.

Si legge anche, nel libro “Ismail, the maligned khedive” di Pierre Crabites, che il 19 marzo 1878 venne inviata una spedizione a Capo Guardafui e sulle adiacenti coste una delegazione per vagliare l’ipotesi della costruzione del faro ma la considerazione finale fu “Queste persone (gli indigeni) sono naturalmente mal disposte per consentire la costruzione di un faro”.

In Inghilterra, in una nota della Seduta dei Comuni del 14 marzo 1902 si trova una richiesta di tal Mr. James Weir: Mi permetto di chiedere al Sottosegretario di Stato per gli Affari Esteri, visti i numerosi incidenti marittimi che si sono verificati al largo della costa sud di Ras Asir, Capo Guardafui, se verrà considera l’opportunità di prendere le misure necessarie per garantire la erezione di un faro su questo promontorio.”

foto-faro_guardafui-© Foto Alberto Alpozzi (1)
Il faro, abbandonato, con annessa stazione marconigrafica come è visibile attualmente

La risposta di Lord Cranborne, Sottosegretario di Stato per gli Affari Esteri fu: Il Governo di Sua Maestà sono attualmente in comunicazione con il governo italiano in merito alle proposte fatte da quest’ultimo per la costituzione di un faro di Capo Guardafui, ma sembra che ci sia una notevole divergenza di opinioni tra le compagnie di navigazione britanniche che sono interessati circa il vantaggio della proposta di questo faro.” Ma non venne concluso di nuovo nulla tant’è che più avanti, in una nota del 2 giugno dello stesso anno si legge ancora Mr. Weir che chiedeva se fosse stata presa una decisione.

Successivamente il Sultano Yusuf Ali Kenadid del Sultanato di Hobyo, che controllava una porzione di costa del Corno d’Africa, prese invece accordi con un ex ufficiale dell’esercito francese per la costruzione di un faro a Capo Guardafui. Il capitale per il progetto venne stanziato da una ditta di Marsiglia, ma anche questa volta l’affare saltò.

Acquista il libro “Il faro di Mussolini – L’Opera coloniale più controversa e il sogno dell’Impero della Somalia Italiana. 1889-1941”

Leggiamo ancora il 12 settembre 1908 sul “The Singapore Free Press and Mercantile Advertiser un lungo articolo dal titolo “Il Faro proposto per Guardafui” nel quale si dibatte la possibilità della sua realizzazione, su proposta già dell’Italia, anche sulla vicina isola di Socotra e sull’eventualità della potenza della luce che fosse visibile o meno durante le tempeste di sabbia e delle nebbie portate dai monsoni considerando che l’India, proprietaria dell’isola non era in ogni caso intenzionata alla costruzione del faro a causa dei costi, della lontanza e quindi della difficoltà di approvvigionamento.

chadoc_naufraghi-guardafui-1905
Naufraghi inglesi del "Chodoc" a Capo Guardafui nel 1905

Capo Guardafui venne poi ceduto dagli inglesi all’Italia con il trattato del 5 maggio 1894. La Somalia fu dichiarata colonia nel 1905 . Ma la questione del faro rimase insoluta ancora per diversi anni.

la-nature-supplement-1923 (1)
"La Nature, Revue des Sciences", suppl. 11 agosto 1923

Si legge infatti in un supplemento de “La Nature – Revue de Sciences” dell’11 agosto 1923 una lettera di tal M. Rastoul, agente generale della Messaggeria Marittima a Marsgilia, nella quale dichiara di aver parlato più volte col generale Mercatelli, alto commissario del Governo Italiano nel Benadir, circa la questione dell’installazione del faro a Capo Guardafui. La realizzazione di tale faro ritardava a causa dei costi di realizzazione e soprattutto del suo mantenimento, poichè una volta costruito avrebbe necessitato di una guarnigione fissa (e suo costante approvvigionamento) per difendere la postazione dai predatori somali, poichè sarebbe stato obiettivo delle tribù locali in quanto sarebbe stato l’unico elemento che avrebbe evitato i naufragi delle navi in quella zona, un affare che generava i maggiori profitti per i predoni della regione di Guardafui. Si dibattè quindi sulla possibilità di far pagare una sorta di tassa a tutte le navi che di lì sarebbero passate per aiutare il Governo Italiano al mantenimento dell’installazione. Particolarità notevole è la proposta del gen. Mercatelli della realizzazione di un faro a onde hertziane (radio-faro), per risolvere quindi il problema delle nebbie durante le quali la luce non si sarebbe vista, ma all’epoca si trattava di una tecnologia non ancora affidabile.

ASMAI vol.I Eritrea Etiopia Somalia (1857-1939)
Inventario archivio storico: Min. Africa Orientale (1857-1939) Vol. I, pag. 217

Si legge anche in documenti del Ministero Africa Orientale (1857-1939) che vi erano già state intenzioni “per l’impianto di un faro al Capo Guardafui” in carteggio degli anni 1877-1890 e proposte per un accordo internazionale per la sua costruzione e l’esercizio già nel 1901 e successivamente nel 190-1905 e di nuovo nel 1906, per poi giungere al 1910 alla “questione preliminare politico-economica” e suoi preventivi.

Infine il faro, chiamato Faro Francesco Crispi, venne realizzato il 5 aprile 1924 con annessa stazione radiotelegrafica e radiogoniometrica a protezione delle navi che qui vi transitavano per l’Asia, l’Africa e l’Australia. All’epoca della costruzione del faro si contavano tra i 700 e gli 800 piroscafi al mese, una media di 25 al giorno. La prima costruzione non era in muratura ma un semplice traliccio di ferro con annessa lanterna (come riscontrabile da alcune cartoline d’epoca, dalla descrizione del faro nel testo “Possedimenti e Colonie” del 1929 e nel libro “Orizzonti di Impero” del 1935) sostituita solo in un secondo momento con l’attuale torre a forma di fascio littorio.

guardafui_targa-1924
La targa commemorativa del 1924

Venne posta, durante la realizzazione sempre nell’aprile 1924, una targa commemorativa scritta in italiano contenente il seguente testo: Proveniente da Suez diretta a Calcutta doppiava questo Capo nell’ottobre 1871 la nave mista “Emilia”, tonnellate 1046. Primo piroscafo italiano che tentasse il nuovo traffico con le Indie. La comandava il venticinquenne Capitano DE ALBERTIS l’intrepido navigatore oceanico del “CORSARO” campione ancora vivente dello spirito marinaro di nostra gente – Deposta la spada per il timone il Veterano delle guerre di liberazione d’Italia Generale NINO BIXIO con ardore di marinaio pari al valore del condottiero comandava il piroscafo “MADDALONI” la seconda delle navi italiane che solcava queste acque per interesse e floridi commerci d’oltre mare sul quale la Patria fondò le sue speranze. – Dal Ministero della Marina, aprile 1924.”

Il faro, in muratura, a forma di fascio littorio alto 19 metri poggia su un basamento trapezoidale, a ottica girevole, aveva una portata normale di 26 miglia, massima di 40, con lampi bianchi, ogni 5 secondi, con sorgente luminosa e incandescenza a vapori di petrolio.

Il faro venne commemorato anche con una serie di francobolli tra il 1932 e il 1934.

faro-francesco-crispi_guardafui_francobolli
La serie di francobolli emessi tra il 1932 e il 1934 con raffigurato il Capo Guardafui e il faro Francesco Crispi

La caratteristica forma a fascio littorio del faro, simbolo dell’Imperialismo Italiano, è citato anche in “Ricordi Somali” di Augusta Perricone Viola come allegoria della “luce di Roma che illumina le vie del mondo” trasponendo i colli romani in Somalia come “colline africane” per la rinascita dell’antica Roma: “Colle africano che l’amore degli italiani ha trasformato in altare della patria”.

Somalia_Faro-Guardafui_foto epoca
Il faro ancora in funzione in una foto del 15 dicembre 1987 di Timlash (fonte wikipedia)

Nel maggio del 1941, il faro di Capo Guardafui insieme al vicino villaggio di Tuhin (Tohen) è stato teatro di un raid di un commando britannico condotto con l’assistenza della Reale Marina indiana, quando le forze britanniche stavano cercando di acquisire l’area sotto il controllo dagli italiani per facilitare il passaggio delle loro navi attraverso il Golfo di Aden. Si legge in un dispaccio delle “Operazione contro le forze italiane” del 16 luglio 1941 del Commander in Chief, East Indies Station H.M. Naval Office, Colombo: Operazioni minori contro italiani in Africa orientale, in cui le forze navali hanno preso parte, erano la presa di Dante, Faro di Capo Guardafui (ora di nuovo nelle operazioni) e, infine, di Assab. Mi dispiace che durante queste operazioni la Royal Indian Navy A/S PARVATI nave è stata affondata da una mina al largo Assab il 30 aprile.”

Poco più sud del promontorio si trova invece il Capo Scenaghèf, o Sennàref, detto anche Falso Capo Guardafui, poiché spesso, a causa delle nebbie, veniva scambiato per il Capo Guardafui portando così a soventi naufragi che avvenivano nella baia tra i due capi, dove i predatori migiurtini avevano già all’epoca organizzato un intenso traffico basato sui naufragi, altro motivo per il quale venne costruito il Faro F. Crispi.

cape-guardafui_photo-John Lavranos2
Il Faro Crispi a Capo Guardafui nel 1970 ancora funzionante con anche i suoi guardiani locali.

L’attuale nome del promontorio pare derivi, sin dal XVI secolo, dal levantino “guarda e fuggi” o “guardatene” oppure dall’indigeno Giard-Hafun.

Oggi il faro versa in totale stato di abbandono e non è più funzionante mancando anche ormai la lanterna.

Faro: ARLHS SOM 003 Coordinate: 11°50’9″N 51°16’42″E

Le città più vicine sono Alula, Bereeda, Hadiboh City e Tohen tutte nella regione del Bari la cui capitale è Bosaso ancora oggi conosciuta a causa della pirateria nel Golfo di Aden.

© 2014 Alberto Alpozzi freelance photojournalist All Rights Reserved

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”

Per approfondire entra nel sito web “Faro Francesco Crispi – Cape Guardafui” cliccando qui, troverai alcuni articoli di approfondimento.

[nggallery id=185]

ARTICOLI CORRELATI

LIBRO Il faro di Mussolini – L’Opera coloniale più controversa e il sogno dell’Impero della Somalia Italiana. 1889-1941

– La Stampa, 5 aprile 2014 “Un faro torinese contro i pirati africani”

– Sito web “Faro Francesco Crispi – Cape Guardafui, Somalia A.O.I.”

– Pagina Facebook “Faro Francesco Crispi 1924 – Capo Guardafui”

RINGRAZIAMENTI

– T.V. Vincenzo Milanese

– Nave Zeffiro, Marina Militare Italiana

– John Lavranos and Volker Buddensiek

BIBLIOGRAFIA e FONTI

Guida all’Africa Orientale Italiana. CTI Consociazione Turistica Italiana, Milano 1938 – pagg. 132 e 321

L’Impero Italiano – Il Libro della V elementare. La Libreria dello Stato, Roma, 1940 – pag. 28

Ministero degli Affari Esteri – Archivio Storico, Ministero Africa Orientale (1857-1939) Vol. I, pag. 217 e 218

Enciclopia Italiana Treccani

Capo Guardafui Wikipedia.it

Cape Guardafui Wikipedia.org

Univesity of North Carolina, Lighthouses of Somalia

Flickr, Michel users, World Lights

Arte Fascista, Capo Guardafui

Pointblog, Capo Guardafui

Wikideep, Capo Guardafui

I bolli, Enciclopedia online dei francobolli italiani

Ten Famous Lighthouses From Around The World

Lord Jim: Centennial Essays , pagg. 115 e 116

The Singapore Free press and Mercantile Advertiser, 12 Settembre 1908, pag. 3

Euphorbia International, Wanted!!! Euphorbia prona S.Carter

Database of Commons and Lords Hansard, the Official Report of debates in Parliament,14 marzo 1902 vol. 105 c39

Royal Navy, East Indies Station War Despatch, 16 luglio 1941, No. 796/E.I. 03203 comma 9

Island and Oases: Italian Colonial Cultures, Migration and Utopia in Women’s Writing, Università della California, di Rebecca Hopkins, 2007

Les Italiens dan l’Erythrée, Revue des deux Monde – tomo 134, 1896

La Nature. Revue des sciences et de leurs applications aux arts et à l’industrie – tavola di supplemento 41

Afrikanische Leuchttürme auf historischen Postkarten – 6. ital. Kolonien (suggeritomi da Flavio Gissi)

Historic pages about old italian lighthouse at Cape Guardafui, Somalia, built in 1924 and now extant on the tip of Horn of Africa – FOR ENGLISH VERSION CLICK HERE

Categorie
Blog

Antipirateria: Missione Atalanta

NEWS E AGGIORNAMENTI DA NAVE ZEFFIRO

Missione Atalanta per l’antipirateria Risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite n. 1814, 1816, 1838 e 1846 adottate nel 2008

______________________________________________________________________________________

Missione antipirateria Atalanta. Golfo di Aden al largo delle coste della Somalia

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

antipirateria_zeffiro (1)[…] Con circa 230 tra uomini e donne a bordo la fregata Zeffiro della Marina Militare perlustra notte e giorno le acque attorno al Corno d’Africa. Qui vi transitano circa l’85% dei traffici marittimi mondiali, centinaia di navi commerciali al giorno dirette verso e da il Mediterraneo attraverso il canale di Suez. Un bacino di appetibili prede dei pirati che dalle coste somale attaccano i mercantili per fare ostaggi, non più per le merci, ma per chiedere all’armatore il riscatto per l’equipaggio. Un mercato fiorente contrastato dalla missione Atalanta della Comunità Europea che attualmente vede impegnata oltre che la Marina Militare anche Norvegia, Spagna, Francia, Germania, Portogallo e Svezia unitamente alla missione Ocean Shield della Nato più diverse nazioni indipendenti che vi operano come Corea, India, Giappone e Russia. […] CONTINUA A LEGGERE

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”


Primo Friendly Approach per Nave Zeffiro nel golfo di Aden

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

friendly approach (7)[…] La Missione Europea Antipirateria Atalanta nel golfo di Aden, di fronte alle coste della Somalia, avendo per la maggior parte interdetto le azioni dei pirati è entrata ormai nella seconda fase per il mantenimento della sicurezza nell’area e per la tutela dei mercantili internazionali che qui vi transitano quotidianamente.Attualmente operante in questa zona dal mese di giugno vi è la fregata Zeffiro della Marina Militare, tra le sue capacità vi è il Friendly Approach cioè l’avvicinamento di un’imbarcazione da parte dell’unità navale per prendere contatti, manifestare la propria presenza e al contempo verificare l’eventuale presenza di minacce. Dapprima via radio la plancia della Zeffiro contatta il comandante dell’imbarcazione per l’autorizzazione all’approccio, segno già tangibile di fiducia e collaborazione una volta concesso. Ad autorizzazione avvenuta la nave assume l’assetto di Force Protection, attraverso il dispiegamento di armamenti per autoprotezione. […] CONTINUA A LEGGERE

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”


Il Commodoro portoghese incontra l’equipaggio di Zeffiro

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

ctf (6)[…] il Comandante della Task Force 465, Commodoro Jorge Novo Palma, ha fatto visita all’Equipaggio di Nave Zeffiro che incrociava nel Golfo di Aden a nord delle coste della Somalia. Dalla fregata portoghese Alvares Cabral, unità di bandiera nonchè nave sede di comando della missione Atalanta, è giunto a bordo della nave italiana, dove una volta accolto dal Comandante Capitano di Fregata Roberto Micelli ha avuto un informale scambio di battute con gli Ufficiali circa la missione e l’impegno nello svolgere le operazioni assegnate unitamente alle unità delle altre nazioni impegnate. E’ seguita una visita dello Zeffiro durante la quale i team specialistici imbarcati, il GOS “Gruppo Operativo Subacquei” e il team RSM Reggimento “San Marco”, hanno presentato al Force Commander nell’ambito di una esposizione statica le loro capacità operative nel contrasto alla pirateria. […] CONTINUA A LEGGERE

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”


Pirateria nel Golfo di Aden. Il contrasto di Brigata Marina San Marco

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

barbettone_fb[…] Da oramai più di un anno quando si parla di San Marco si associano subito i volti di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone i due italiani detenuti in India per questioni ancora da dirimere e soprattutto poco chiare. I due Marò svolgevano a bordo della petroliera “Enrica Lexie” il delicato compito di protezione della nave da attacchi di pirati, compito simile a quello attualmente svolto dai loro colleghi  del 2° Reggimento 2ª Compagnia delle Operazioni Navali imbarcati su nave Zeffiro operante nel golfo di Aden all’interno della missione europa Atalanta per l’antipirateria. Il team boarding del San Marco operante sulle navi è composto da 8 operatori, ma nel caso della missione Atalanta il numero sale a 10 con l’aggiunta di un fuciliere di marina abilitato al tiro di precisione e il suo spotter. […] CONTINUA A LEGGERE

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”


Golfo di Aden, Somalia. Intelligence Surveillance and Reconnaice (ISR)

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

_AFG7953[…] Obiettivo principale della  missione europea Atalanta per l’antipirateria, unitamente a quella Nato Ocean Shield, è l’acquisizione di elementi informativi sulla localizzazione di eventuali “Pirates Action Group” (PAG). Elementi essenziali per contrastare la pirateria nel Golfo di Aden acquisiti con successo se consideriamo che è ormai più di un anno che non si verificano sequestri di navi. Per l’acquisizione dei “target” vengono impiegati gli elicotteri della Marina Militare imbarcati sulla fregata Zeffiro, tramite gli strumenti ISR “Intelligence Surveillance and Reconnaice” atti all’acquisizione di video e fotorilievi. Intelligence: vengono studiate le immagini precedenti per osservare se nelle zone in oggetto vi sono stati accentramenti o svuotamenti di risorse utili alla pirateria; Sorveglianza: si monitorano i movimenti di barchini e delle mothership; Ricognizione: vengono effettuate verifiche dirette sul luogo. Seguendo la costa nord della Somalia le operazioni di volo monitorano i villaggi nei pressi della città di Boosaaso, città che tra il 2007 e il 2009 fu il fulcro della pirateria nel golfo di Aden. […] CONTINUA A LEGGERE

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”


Operazione Atalanta. Le attività del Gruppo Operativo Subacqueo (GOS)

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

gos (4)[…] L’ultimo grave caso registrato di attacco ai danni di navi militari risale al tragico evento del 2000 che colpì la USS Cole causando la morte di 17 uomini e il ferimento di 47 durante la guerra in Iraq.Questi sono rari ma possibili casi che devono essere sempre tenuti in considerazione e scongiurati durante la navigazione in missioni operative. Nel caso della missione Atalanta per l’antipirateria le navi della Marina Militare, come attualmente lo Zeffiro impiegato nel golfo di Aden a nord delle coste della Somalia, imbarcano un team composto da 3 uomini di Palombari della Marina Militare in servizio presso Comsubin “Comando Subacquei ed Incursori” di La Spezia per la ricerca, l’identificazione e l’inutilizzazione di ordigni esplosivi. Il team Gos “Gruppo Operativo Subacqueo” è impiegato come team EOD “Explosive Ordenance Disposal” e IEDD “Improvised Explosive Device Disposal” […] CONTINUA A LEGGERE

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”


Gibuti. Sosta strategica

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

zeffiro_gibuti (5)[…] Dopo 15 giorni di navigazione, 312 ore di moto e 1823 miglia percorse, lo Zeffiro questa mattina ha attraccato al porto di Gibuti per una sosta strategica schedulata come da programma, anche se soggetto a possibili variazioni per esigenze operative, della missione Atalanta. L’ultimo scalo fu fatto a Salallah in Oman quando la nave proveniva già da Gibuti, che è un centro nevralgico per l’antipirateria dove sono presenti diversi distaccamenti delle nazioni impegnate nella missione e dove gli Ufficiali possono incontrarsi per la raccolta e lo scambio di informazioni. Precedentemente al canale di Suez vi fu una sola sosta a Souda, in Grecia, per un corso di antipirateria, in aggiunta a quello già effettuata in Italia, che ha compreso degli incontri teorici per gli Ufficiali di Zeffiro ed infine due esercitazioni per l’intero Equipaggio. […] CONTINUA A LEGGERE


AGGIORNAMENTI SULLA PAGINA FACEBOOK  “FOTOGRAFIA E REPORTAGE – ALPOZZI FOTOGRAFO TORINO”

Categorie
Blog

2 Giugno, 2 Marò, 52 vite, 10 Frecce Tricolori e 200 mila Euro…

di Alberto AlpozziFotoreporter Torino

frecce_tricolori_2giugno_alpozziLa maggioranza è silenziosa, sventola bandiere e cappellini lungo i Fori Imperiali, attende con impazienza e trepidazione la parata del 2 giugno, festa della Repubblica. Ogni bambino batte le mani con gli occhi lucidi. Vi è, in ogni ricorrenza con le Forze Armate, più folla che durante qualsiasi altra manifestazione chiassosa e disordinata che di ideali ne ha ben pochi se non quello di dividere gli italiani dietro “bandierine” multicolori che nulla hanno a che fare con la nostra identità. Quella identità che invece il tricolore racchiude, unisce e richiama migliaia di persone per veder sfilare nella propria città i nostri ragazzi, italiani, ebbene si i SOLDATI. Tutti uniti che ci uniscono sotto la stessa bandiera, il nostro tricolore, loro che vi riconoscono la Patria e non solo lo stato. Loro che sono i nostri migliori ambasciatori all’estero. Loro che sono i primi ad intervenire in situazioni di crisi come terremoti e inondazioni. Loro che lavorano in silenzio lontano dai riflettori, loro che non fanno scioperi, loro che non scendono in piazza.

Eppure c’è chi ritiene che le nostre eccellenze non lo riguardino, c’è chi ritiene che il nostro orgoglio non debba essere un vanto, c’è chi ritiene che la pace sia appannaggio solo di alcuni, c’è chi ritiene che risparmiare circa 200 mila euro non facendo volare le Frecce Tricolori sia giusto, c’è chi scorda che sono caduti 52 nostri italiani, sul lavoro, distanti da casa. C’è chi ritiene che quei morti non abbiano pari dignità di tutti gli altri morti sul lavoro. C’è chi deve politicizzare tutto, c’è chi deve portare ogni suo gesto sotto una bandiera, la bandiera della divisione, che non è certo quel tricolore che ieri non abbiamo visto disegnato nel cielo della capitale che invece ci unisce tutti, ci identifica come Italiani.

Siamo al risparmio, spending review, risparmiamo sui mezzi da portare in rivista, quegli stessi Lince prodotti dalla nostrana Iveco che sono un vanto (chiedetelo a Inglesi, Russi e Turchi) e salvano le vite dei nostri ragazzi in Afghanistan, risparmiamo sulle Frecce Tricolori, risparmiano sulle parole non spese per Massimiliano La Torre e Salvatore Girone, ancora trattenuti in India per una questione non ancora chiarita, risparmiano sui feriti ma soprattutto risparmiamo sulla dignità e i sentimenti di un paese che ancora tentenna nel mostrare le sue eccellenze che da sempre ci invidiano in tutto il pianeta.

Nascondiamoci, noi maggioranza, per non rendere infelice quella minoranza chiassosa che ha fatto della divisione la sua bandiera che sventola sempre come un trofeo di cartapesta.

Ieri era il 2 giugno, festa della Repubblica? Della democrazia? Quindi della maggioranza? A me non è sembrato proprio…


ARTICOLI CORRELATI – Notizie dall’Afghanistan

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia
  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012

Categorie
Blog

Corsi di Fotografia Digitale 2017 – Torino

CORSI DI FOTOGRAFIA A TORINO 2017 – CORSO DI FOTOGRAFIA REFLEX – CORSI BASE DI FOTOGRAFIA

Tecnica e Teoria della fotografia digitale, corsi individuali o per piccoli gruppi di fotografia per fotoamatori e fotografi attivi tutto l’anno.

Lezioni di fotografia da Lunedì a Venerdì dalle 10.00 alle 20.00. Scegli il giorno e l’ora e te più comodi!

ENTRA SU FACEBOOK E CLICCA “MI PIACE” NELLA PAGINA “CORSO DI FOTOGRAFIA TORINO”

corso-fotografia-digitale-torinoCorso di Fotografia Base: € 200.00 per 12 ore di lezione, divise in 6 lezioni di cui 4 lezioni di teoria in studio e 2 lezioni di pratica in esterna. Clicca qui per approfondire

Corso di Fotografia Intermedio: € 200.00 per 12 ore di lezione, divise in 6 lezioni di cui 4 lezioni di teoria in studio e 2 lezioni di pratica in esterna. Clicca qui per approfondire

corso-fotografia-digitale-torino-2Corso di Fotografia Avanzato: € 200.00 per 8 ore di lezione, divise in 4 lezioni di cui 2 lezioni di teoria in studio e 2 lezioni di pratica in esterna. Clicca qui per approfondire

Corso di Fotografia Tematico: € 100.00 per 4 ore di lezione, divise in 2 lezioni di cui 1 lezione di teoria in studio e 1 lezione di pratica in esterna. Clicca qui per approfondire

Tutti i corsi fotografici vengono tenuti dal fotogiornalista Alberto Alpozzi, attualmente docente di Fotografia presso il Politecnico di Torino, con esperienze in aree di crisi come Afghanistan, Kosovo, Libano e Golfo di Aden.

ENTRA SU FACEBOOK E CLICCA “MI PIACE” NELLA PAGINA “CORSO DI FOTOGRAFIA TORINO”

PER INFORMAZIONI e CONTATTI:

alpozzi_fotografo_torino2STUDIO FOTOGRAFICO TORINO in Via San Secondo 96/c (tra corso Turati e corso Re Umberto), piano terra. Guarda la mappa

Chiamami al +39 011.50.17.00 / +39 338.91.07.608     Cercami su Google Maps

per info clicca qui per mandare una mail – info@albertoalpozzi.it –

oppure anche su Facebook nel gruppo “Corso di Fotografia Torino”

Cerchi un corso di fotografia digitale gratuito?

Apprendi le nozioni base della tecnica fotografica con un mini corso on-line. Clicca qui


Categorie
Blog

“L’altra metà della divisa” al Salone del Libro di Torino

di Alberto AlpozziFotogiornalista Torino

il-mago-delle-lacrime_l'altra-metà-della-divisa_salone-libro-torinoTorino, Salone Internazionale del LibroIl programma dell’ultima giornata del Salone del Libro di Torino allo stand della Difesa si è aperto alle 10.30 con la presentazione della fiaba “Il mago delle lacrime”, il primo progetto editoriale dell’associazione “L’altra metà della divisa” che descrive il distacco di un bambino dal padre che parte in missione e l’orgoglio ed i sentimenti di chi resta ad aspettarlo a casa. L’iniziativa fa parte del progetto “Una fiaba per volare da te”, scritta dall’autrice di fiabe per bambini Grazia Mentil e illustrata da Mara Bonamano, con il supporto dell’Ufficio Comunicazione dello Stato Maggiore della Difesa.

Clicca qui per leggere gli interventi completi dei rappresentati di AMD durante l’evento.

L’associazione è nata un anno fa dall’idea di un gruppo di familiari di militari di Grottaglie, con l’obiettivo di fornire un sostegno completo alle famiglie del personale militare impiegato in missione. “Le storie, in qualunque modo vengono raccontate, hanno la capacità di illustrare tutto ciò che sta intorno al mondo militare e possono sfatare luoghi comuni e contrastare interpretazioni errate” hanno sottolineato Deborah Croci, Maria Chiara Santoro ed Elena Narciso, rappresentanti dell’associazione.

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”

salone-libro-torino_altra-metà-divisa (7)Al termine della narrazione  – guarda qui il video – della fiaba sono stati effettuati due collegamenti: il primo con la nave d’assalto anfibio “San Marco” della Marina Militare, attualmente impegnata nell’operazione NATO “Ocean Shield nell’Oceano Indiano e nel Corno d’Africa, nel corso del quale alcuni membri dell’equipaggio di bordo hanno illustrato al numeroso pubblico presente allo stand la propria esperienza di genitore e consorte in missione; il secondo collegamento è stato effettuato con il contingente italiano di RC-West con sede ad Herat, in Afghanistan, attualmente sotto comando della Brigata Alpina Julia. Anche in questa occasione tante le testimonianze presentate sull’importanza della famiglia, sostegno indispensabile ed irrinunciabile per chi, come i militari, spesso svolge la propria missione lontano dal proprio Paese. Numerosa e attiva la partecipazione degli studenti dell’Istituto tecnico Galileo-Ferrari di Torino. All’inizio delle attività odierne, lo stand della Difesa ha avuto come illustre ospite il Ministro dell’Integrazione, On. Cécile Kyenge, che si è intrattenuta a lungo visitando tutte le postazioni delle Forze Armate e le relative progettualità.

CLICCA QUI PER SEGUIRE  “L’ALTRA META’ DELLA DIVISA” SU FACEBOOK

Se desideri ordinare una copia del libro “Il mago delle lacrime” puoi richiederla cliccando qui

Potrete ricevere la fiaba su rilascio di una libera donazione all’Associazione, utile per lo sviluppo di progetti ed iniziative a supporto delle famiglie militari italiane.

[nggallery id=183]