Categorie
Blog

Vicini a una terra lontana – Sulle strade dell’Afghanistan con il contingente italiano

TORINO LIBRI – News Afghanistan: Presentazione del libro “Vicini a una terra lontana” a Torino

di Alberto Alpozzi Fotoreporter Fotografo Torino

vicini a una terra lontana_afghanistan-alpozzi

Torino – 22 Gennaio 2013 – “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; PROMUOVE e FAVORISCE le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.”

Così inizia la presentazione del libro “Vicini a una terra lontana” di ieri alla Cavallerizza Reale di Torino, promossa dal COI “Comando Operativo di vertice Interforze”, attraverso le parole del sindaco Piero Fassino che cita l’art. 11 della Costituzione Italiana: “assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo” che rimarca per due volte ponendo l’accento sulle missioni di pace e la loro utilità in contesti internazionali nei quali gli italiani si contraddistinguono da sempre.

Un libro fotografico rivolto a chi vuole conoscere l’Afghanistan per approfondire l’operato dei militari italiani “vicini” al popolo afghano per una reale ricostruzione e il mantenimento della sicurezza di una terra lontana migliaia di chilometri.

Interviene alla presentazione anche il dott. Mario Calabresi, direttore de La Stampa, colpito dalle foto, dai racconti dei militari coinvolti e dalle interviste ai civili che sottolinea quanto questa sia una missione poco conosciuta al grande pubblico, al quale infatti vuole rivolgersi questa nuova pubblicazione con una voce “laica”, e della quale si dovrebbe parlare maggiormente: le scuole realizzate, gli ospedali, i pozzi e anche gli scontri a fuoco.

Un percorso quello del libro che segue le strade della regione ovest percorse dal nostro contingente sin dal 2003 con il contributo della dott.sa Elena Croci, capitano della riserva selezionata, co-autrice insieme al Generale di Divisione Aerea Settimo Caputo.

Il libro edito da Polistampa acquistabile sul sito dell’editore – clicca qui – sarà in vendita a Torino presso le librerie Feltrinelli, Zanaboni, Paravia e Fogola di cui parte del ricavato sarà devoluto in beneficenza per l’acquisto di attrezzature per l’ospedale pediatrico di Herat, costruito dal contingente militare italiano nel 2006. Prezzo di copertina Euro 28,00.

[nggallery id=179]

“Vicini a una terra lontana – Sulle strade dell’Afghanistan con il contingente italiano”
a cura di Settimo Caputo e Elena Croci

Ed. Polistampa, Novembre 2012 – Pagine: 192 – Formato: ill. col., cart., 24×31 – Cod. ISBN: 9788859611790

ARTICOLI CORRELATI:

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia

  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012


Categorie
Blog

2 Giugno – Festa della Repubblica Italiana

2_giugno_FB

2 Giugno – Festa della Repubblica

A ricordo della nascita della Repubblica la Festa della Repubblica Italiana viene celebrata il 2 giugno, grazie al Presidente emerito Carlo Azeglio Ciampi, che nel 2001, con la legge n. 336 del 20 novembre 2000, riportò le celebrazioni ad essere nuovamente giorno festivo, dopo la legge del 5 marzo 1977, n.54 che, a causa della crisi economica, l’aveva spostata alla prima domenica di giugno.

Il 2 e il 3 giugno 1946 vi fu infatti il referendum istituzionale indetto a suffragio universale, per la seconda volta in Italia infatti votarono anche le donne (la prima fu per le elezioni amministrative del marzo-aprile 1946) grazie al decreto legislativo luogotenenziale del 2 febbraio 1945 n. 23. Gli italiani devettore decidere tra la monarchia o la repubblica e votare inoltre l’Assemblea Costituente. Dopo 85 anni di regno di casa Savoia, con 12.718.641 voti contro 10.718.502 l’Italia divenne repubblica.

– Vedi anche l’articolo: 2 Giugno Festa della Repubblica – Torino

– Vedi anche l’articolo su PERO’ TORINO: 2 giugno: festa del voto alle donne