Categorie
Blog

Antipirateria: Missione Atalanta

NEWS E AGGIORNAMENTI DA NAVE ZEFFIRO

Missione Atalanta per l’antipirateria Risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite n. 1814, 1816, 1838 e 1846 adottate nel 2008

______________________________________________________________________________________

Missione antipirateria Atalanta. Golfo di Aden al largo delle coste della Somalia

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

antipirateria_zeffiro (1)[…] Con circa 230 tra uomini e donne a bordo la fregata Zeffiro della Marina Militare perlustra notte e giorno le acque attorno al Corno d’Africa. Qui vi transitano circa l’85% dei traffici marittimi mondiali, centinaia di navi commerciali al giorno dirette verso e da il Mediterraneo attraverso il canale di Suez. Un bacino di appetibili prede dei pirati che dalle coste somale attaccano i mercantili per fare ostaggi, non più per le merci, ma per chiedere all’armatore il riscatto per l’equipaggio. Un mercato fiorente contrastato dalla missione Atalanta della Comunità Europea che attualmente vede impegnata oltre che la Marina Militare anche Norvegia, Spagna, Francia, Germania, Portogallo e Svezia unitamente alla missione Ocean Shield della Nato più diverse nazioni indipendenti che vi operano come Corea, India, Giappone e Russia. […] CONTINUA A LEGGERE

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”


Primo Friendly Approach per Nave Zeffiro nel golfo di Aden

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

friendly approach (7)[…] La Missione Europea Antipirateria Atalanta nel golfo di Aden, di fronte alle coste della Somalia, avendo per la maggior parte interdetto le azioni dei pirati è entrata ormai nella seconda fase per il mantenimento della sicurezza nell’area e per la tutela dei mercantili internazionali che qui vi transitano quotidianamente.Attualmente operante in questa zona dal mese di giugno vi è la fregata Zeffiro della Marina Militare, tra le sue capacità vi è il Friendly Approach cioè l’avvicinamento di un’imbarcazione da parte dell’unità navale per prendere contatti, manifestare la propria presenza e al contempo verificare l’eventuale presenza di minacce. Dapprima via radio la plancia della Zeffiro contatta il comandante dell’imbarcazione per l’autorizzazione all’approccio, segno già tangibile di fiducia e collaborazione una volta concesso. Ad autorizzazione avvenuta la nave assume l’assetto di Force Protection, attraverso il dispiegamento di armamenti per autoprotezione. […] CONTINUA A LEGGERE

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”


Il Commodoro portoghese incontra l’equipaggio di Zeffiro

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

ctf (6)[…] il Comandante della Task Force 465, Commodoro Jorge Novo Palma, ha fatto visita all’Equipaggio di Nave Zeffiro che incrociava nel Golfo di Aden a nord delle coste della Somalia. Dalla fregata portoghese Alvares Cabral, unità di bandiera nonchè nave sede di comando della missione Atalanta, è giunto a bordo della nave italiana, dove una volta accolto dal Comandante Capitano di Fregata Roberto Micelli ha avuto un informale scambio di battute con gli Ufficiali circa la missione e l’impegno nello svolgere le operazioni assegnate unitamente alle unità delle altre nazioni impegnate. E’ seguita una visita dello Zeffiro durante la quale i team specialistici imbarcati, il GOS “Gruppo Operativo Subacquei” e il team RSM Reggimento “San Marco”, hanno presentato al Force Commander nell’ambito di una esposizione statica le loro capacità operative nel contrasto alla pirateria. […] CONTINUA A LEGGERE

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”


Pirateria nel Golfo di Aden. Il contrasto di Brigata Marina San Marco

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

barbettone_fb[…] Da oramai più di un anno quando si parla di San Marco si associano subito i volti di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone i due italiani detenuti in India per questioni ancora da dirimere e soprattutto poco chiare. I due Marò svolgevano a bordo della petroliera “Enrica Lexie” il delicato compito di protezione della nave da attacchi di pirati, compito simile a quello attualmente svolto dai loro colleghi  del 2° Reggimento 2ª Compagnia delle Operazioni Navali imbarcati su nave Zeffiro operante nel golfo di Aden all’interno della missione europa Atalanta per l’antipirateria. Il team boarding del San Marco operante sulle navi è composto da 8 operatori, ma nel caso della missione Atalanta il numero sale a 10 con l’aggiunta di un fuciliere di marina abilitato al tiro di precisione e il suo spotter. […] CONTINUA A LEGGERE

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”


Golfo di Aden, Somalia. Intelligence Surveillance and Reconnaice (ISR)

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

_AFG7953[…] Obiettivo principale della  missione europea Atalanta per l’antipirateria, unitamente a quella Nato Ocean Shield, è l’acquisizione di elementi informativi sulla localizzazione di eventuali “Pirates Action Group” (PAG). Elementi essenziali per contrastare la pirateria nel Golfo di Aden acquisiti con successo se consideriamo che è ormai più di un anno che non si verificano sequestri di navi. Per l’acquisizione dei “target” vengono impiegati gli elicotteri della Marina Militare imbarcati sulla fregata Zeffiro, tramite gli strumenti ISR “Intelligence Surveillance and Reconnaice” atti all’acquisizione di video e fotorilievi. Intelligence: vengono studiate le immagini precedenti per osservare se nelle zone in oggetto vi sono stati accentramenti o svuotamenti di risorse utili alla pirateria; Sorveglianza: si monitorano i movimenti di barchini e delle mothership; Ricognizione: vengono effettuate verifiche dirette sul luogo. Seguendo la costa nord della Somalia le operazioni di volo monitorano i villaggi nei pressi della città di Boosaaso, città che tra il 2007 e il 2009 fu il fulcro della pirateria nel golfo di Aden. […] CONTINUA A LEGGERE

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”


Operazione Atalanta. Le attività del Gruppo Operativo Subacqueo (GOS)

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

gos (4)[…] L’ultimo grave caso registrato di attacco ai danni di navi militari risale al tragico evento del 2000 che colpì la USS Cole causando la morte di 17 uomini e il ferimento di 47 durante la guerra in Iraq.Questi sono rari ma possibili casi che devono essere sempre tenuti in considerazione e scongiurati durante la navigazione in missioni operative. Nel caso della missione Atalanta per l’antipirateria le navi della Marina Militare, come attualmente lo Zeffiro impiegato nel golfo di Aden a nord delle coste della Somalia, imbarcano un team composto da 3 uomini di Palombari della Marina Militare in servizio presso Comsubin “Comando Subacquei ed Incursori” di La Spezia per la ricerca, l’identificazione e l’inutilizzazione di ordigni esplosivi. Il team Gos “Gruppo Operativo Subacqueo” è impiegato come team EOD “Explosive Ordenance Disposal” e IEDD “Improvised Explosive Device Disposal” […] CONTINUA A LEGGERE

CLICCA QUI PER SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK “FOTOGRAFIA E REPORTAGE”


Gibuti. Sosta strategica

di Alberto Alpozzi per Rassegna Stampa Militare

zeffiro_gibuti (5)[…] Dopo 15 giorni di navigazione, 312 ore di moto e 1823 miglia percorse, lo Zeffiro questa mattina ha attraccato al porto di Gibuti per una sosta strategica schedulata come da programma, anche se soggetto a possibili variazioni per esigenze operative, della missione Atalanta. L’ultimo scalo fu fatto a Salallah in Oman quando la nave proveniva già da Gibuti, che è un centro nevralgico per l’antipirateria dove sono presenti diversi distaccamenti delle nazioni impegnate nella missione e dove gli Ufficiali possono incontrarsi per la raccolta e lo scambio di informazioni. Precedentemente al canale di Suez vi fu una sola sosta a Souda, in Grecia, per un corso di antipirateria, in aggiunta a quello già effettuata in Italia, che ha compreso degli incontri teorici per gli Ufficiali di Zeffiro ed infine due esercitazioni per l’intero Equipaggio. […] CONTINUA A LEGGERE


AGGIORNAMENTI SULLA PAGINA FACEBOOK  “FOTOGRAFIA E REPORTAGE – ALPOZZI FOTOGRAFO TORINO”

Categorie
Blog

2 Giugno, 2 Marò, 52 vite, 10 Frecce Tricolori e 200 mila Euro…

di Alberto AlpozziFotoreporter Torino

frecce_tricolori_2giugno_alpozziLa maggioranza è silenziosa, sventola bandiere e cappellini lungo i Fori Imperiali, attende con impazienza e trepidazione la parata del 2 giugno, festa della Repubblica. Ogni bambino batte le mani con gli occhi lucidi. Vi è, in ogni ricorrenza con le Forze Armate, più folla che durante qualsiasi altra manifestazione chiassosa e disordinata che di ideali ne ha ben pochi se non quello di dividere gli italiani dietro “bandierine” multicolori che nulla hanno a che fare con la nostra identità. Quella identità che invece il tricolore racchiude, unisce e richiama migliaia di persone per veder sfilare nella propria città i nostri ragazzi, italiani, ebbene si i SOLDATI. Tutti uniti che ci uniscono sotto la stessa bandiera, il nostro tricolore, loro che vi riconoscono la Patria e non solo lo stato. Loro che sono i nostri migliori ambasciatori all’estero. Loro che sono i primi ad intervenire in situazioni di crisi come terremoti e inondazioni. Loro che lavorano in silenzio lontano dai riflettori, loro che non fanno scioperi, loro che non scendono in piazza.

Eppure c’è chi ritiene che le nostre eccellenze non lo riguardino, c’è chi ritiene che il nostro orgoglio non debba essere un vanto, c’è chi ritiene che la pace sia appannaggio solo di alcuni, c’è chi ritiene che risparmiare circa 200 mila euro non facendo volare le Frecce Tricolori sia giusto, c’è chi scorda che sono caduti 52 nostri italiani, sul lavoro, distanti da casa. C’è chi ritiene che quei morti non abbiano pari dignità di tutti gli altri morti sul lavoro. C’è chi deve politicizzare tutto, c’è chi deve portare ogni suo gesto sotto una bandiera, la bandiera della divisione, che non è certo quel tricolore che ieri non abbiamo visto disegnato nel cielo della capitale che invece ci unisce tutti, ci identifica come Italiani.

Siamo al risparmio, spending review, risparmiamo sui mezzi da portare in rivista, quegli stessi Lince prodotti dalla nostrana Iveco che sono un vanto (chiedetelo a Inglesi, Russi e Turchi) e salvano le vite dei nostri ragazzi in Afghanistan, risparmiamo sulle Frecce Tricolori, risparmiano sulle parole non spese per Massimiliano La Torre e Salvatore Girone, ancora trattenuti in India per una questione non ancora chiarita, risparmiano sui feriti ma soprattutto risparmiamo sulla dignità e i sentimenti di un paese che ancora tentenna nel mostrare le sue eccellenze che da sempre ci invidiano in tutto il pianeta.

Nascondiamoci, noi maggioranza, per non rendere infelice quella minoranza chiassosa che ha fatto della divisione la sua bandiera che sventola sempre come un trofeo di cartapesta.

Ieri era il 2 giugno, festa della Repubblica? Della democrazia? Quindi della maggioranza? A me non è sembrato proprio…


ARTICOLI CORRELATI – Notizie dall’Afghanistan

  1. In Afghanistan ho trovato la parte migliore dell’Italia
  2. Un fotoreporter torinese in Afghanistan

  3. Natale a Herat tra i Marò

  4. Fotografare il Natale a Herat

  5. L’uomo che insegna agli afghani come volare

  6. Beneficenza “L’Italia per l’Afghanistan”

  7. Afghanistan, slightly in focus

  8. L’orfanotrofio di Herat, le fotografie e una serata di beneficenza

  9. Reporter di guerra in Afghanistan

  10. La Missione Kfor

  11. Kfor – Torinesi in missione

  12. Unifil – Il lato umano delle missioni

  13. Esercito italiano – Missioni militari all’estero

  14. Diario Afghano

  15. News Afghanistan – Dicembre 2012